5 Marzo 2013

Realizzazione di azioni di sistema in favore di malati di Alzheimer e loro familiari

adult helping senior in hospital

Lo scorso 26 febbraio 2013, nella sede comunale di Via A. Fabi, si sono riuniti i rappresentanti dei quattro distretti socio-assistenziali della Provincia di Frosinone, nonché della ASL FR, nelle persone del dottor Carlo Gagliardi – Presidente del Distretto Sociale “B” di Frosinone, nonché assessore ai Servizi sociali del Comune di Frosinone,  dottor Fabio Di Fabio Vice-Sindaco del Comune di Alatri per il Distretto A, dottor Maurizio Mariani per il distretto C di Sora, dottor Fabrizio Edoardo Antonino per il Consorzio del Cassinate distretto D di Cassino, dottor Narciso Mostarda per l’ASL di Frosinone.

In virtù dell’Accordo d’Ambito sottoscritto dalle parti, sotto la Presidenza del Comitato Istituzionale del dottor Carlo Gagliardi, si è provveduto all’approvazione del programma degli interventi integrati socio-sanitari in favore dei malati di Alzheimer e loro familiari, per i quali la Regione Lazio ha previsto uno stanziamento complessivo di  756.734 euro per dodici mesi.

Le azioni previste dal piano riguardano nello specifico:

a)  Assistenza Domiciliare in favore di nuclei familiari con malati di Alzheimer, che mira fortemente a sostenere e promuovere la cultura della domiciliarità nel territorio del Sub-ambito 1 (Alatri-Frosinone-distretti socio-assistenziali A e B di Frosinone), affiancando alla realizzazione del servizio di assistenza domiciliare anche un’azione destinata al sostegno ai familiari / caregiver, che prevede l’attivazione di un gruppo di auto-mutuo aiuto.

b)  Posti di sollievo per l’accoglienza residenziale temporanea di malati di Alzheimer che si rivolge ai cittadini anziani residenti nel Sub-ambito 1 (Alatri-Frosinone), affetti da forme medio-lievi di malattia di Alzheimer e demenze assimilate, con ridotta e parziale autonomia nella vita quotidiana, che abbiano mantenuto la capacità di deambulare autonomamente. Il progetto prevede, altresì, misure di sostegno alle famiglie per il trasporto degli utenti dei Centri diurni.

c)  Centro Diurno Alzheimer e posti di sollievo, che, considerato il territorio di riferimento (Sub-ambito 2 Sora – Cassino) e considerando la crescente necessità di assistenza e riabilitazione soprattutto nelle fasi iniziali della malattia, intende offrire agli anziani e ai cargiver uno spazio che garantisca un’assistenza globale al paziente e momenti di respiro alle famiglie.

Si evidenzia che la programmazione di cui sopra è stata frutto di un’operazione sinergica degli uffici tecnici ed amministrativi dei quattro distretti oltre che della ASL, che ha visto, in primo luogo, impegnata la struttura dell’Ufficio di Piano del distretto B appartenente al Comune capofila di Frosinone.

“Desidero esprime apprezzamento per il proficuo lavoro svolto da tutti gli operatori – ha commentato l’assessore ai servizi sociali del Comune di Frosinone Carlo Gagliardi – in considerazione anche del limitato tempo avuto a disposizione per la predisposizione di tutti gli atti necessari a definire compiutamente l’iter previsto dal bando regionale”.

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
EUTANASIA - La storia di Piera Franchini

Eutanasia - Piera Franchini, a causa di una lesione al fegato ormai incurabile, andò in Svizzera per il suo suicidio assistito nel 2013.

EUTANASIA - Marco Cappato: «Caro Papa, e se sull'eutanasia il "crimine" foste voi a favorirlo?»

Eutanasia - Queste le dichiarazioni sulla propria pagina Facebook di Marco Cappato, esponente dei Radicali e dell'Associazione Luca Coscioni.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Lattoferrina Coronavirus - Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e gli altri" su Cusano Italia TV.