1 Giugno 2012

Ottaviani,ok l’inizio è giusto! (di Sacha Sirolli)

Fulvio De Santis, all’ambiente e ai trasporti e vice sindaco, Fabio Tagliaferri ai lavori pubblici e alla manutenzione; Riccardo Mastrangeli al bilancio e alle finanze; Carlo Gagliardi ai servizi sociali; Gianpiero Fabrizi allo sport, cultura e spettacoli; Massimiliano Tagliaferri alle attività produttive e commercio; Claudio Caparrelli alla pubblica istruzione e patrimonio e Lucrezia Scaccia al personale, polizia locale e sicurezza. Così ha deciso, rapidamente Nicola Ottaviani, per Frosinone. Mentre a Ceccano si sfoglia ancora la margherita nel capoluogo l’avvocato pidiellino sembra Giulio Cesare. Veni, vidi, vici. E oplà, ecco la nuova giunta. Senza cedere a pressioni dall’alto. A Iannarilli, big del suo stesso partito, che a quanto pare voleva Enrico Straccamore nella squadra di governo di Ottaviani. Il niet di quest’ultimo ha mandato  su tutte le furie il parlamentare alatrense il quale a sua volta ha scatenato il “Ciclone Iannarilli” sulla Giunta Provinciale: fuori dall’esecutivo Gennarino Scaccia (Assessore a Formazione professionale, Politiche del lavoro, Centri per l’impiego) e Francesco Trina (Attività produttive e Commercio, Difesa del consumatore); degradati Gianluca Quadrini (revocata la delega all’Edilizia scolastica e all’Istruzione) e Alessandro Cardinali (revocata la vicepresidenza della Provincia). Come ben sottolineato dalla redazione di Frosinone24 il casus belli di tale “rappresaglia”, escluso Quadrini, sarebbe l’esclusione di Straccamore dal governo cittadino del capoluogo. In merito alla questione, Ottaviani ha dichiarato di dover rendere conto del suo operato “solo ai cittadini di Frosinone”. Che lo hanno eletto sindaco, aggiungo io. Ottaviani in campagna elettorale aveva detto che per il bene della sua città sarebbe andato al di là degli steccati della politica e dei partiti. La sua squadra dunque l’ha scelta con la  sua testa e non con quella degli altri, senza cedere a compromessi. 

Bene così avvocato, ora avanti con i tagli ai costi della politica che invocano i cittadini promessi col progetto Solidiamo. Intanto il nuovo sindaco di Frosinone ha riaperto i concorsi e varato la nuova giunta. Nicola Ottaviani ha voglia di fare e di cambiare la solita politica. Anche a costo di un duro braccio di ferro tutto  interno al Pdl con Iannarilli e l’amministrazione provinciale.

Il direttore responsabile di Frosinone24-SACHA SIROLLI

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net.