30 Marzo 2013

Multiservizi, Ottaviani: “A Pasquetta, dopo la fuga dal consiglio, conteremo altri leprotti nei campi…”

Nicola-Ottaviani

La procedura di affidamento dei contratti di servizio, per cinque mesi, alle cooperative sociali di tipo B, al fine di garantire i livelli occupazionali e l’erogazione dei servizi in favore della collettività, è stata ultimata dagli uffici con l’individuazione di imprese di consolidata affidabilità economica e finanziaria.

Contestualmente, la giunta comunale ha approvato, nella giornata odierna, una proroga per 15 giorni dei servizi affidati alla società pubblica, per verificare la permanenza dell’interesse della Regione Lazio all’investimento finanziario nell’azienda in house.
A tale scopo, un incontro nella sede dell’assessorato al lavoro della Regione Lazio, è stato fissato per il 3 aprile, per discutere della vicenda Multiservizi, su richiesta del Sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani, che nel pomeriggio di venerdì 29 marzo 2013 ha inviato una specifica segnalazione al Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, dopo quella precedente del 2 marzo.

L’incontro sarà finalizzato a verificare la fattibilità di un impegno finanziario da parte dell’ente di via della Pisana nella vicenda, tenuto conto del fatto che Sviluppo Lazio, società partecipata della Regione, è titolare del 49% delle quote della Frosinone Multiservizi.

“Come già avvenuto per altre questioni – ha dichiarato il Sindaco Nicola Ottaviani – non siamo rimasti passivi a subire gli eventi. Ci siamo attivati e abbiamo sollecitato e ottenuto da parte della Regione un incontro immediato sulla questione Multiservizi, per capire, in via definitiva, quale può essere il ruolo che la Regione potrebbe recitare in tutta questa vicenda. Il Comune da parte sua ha individuato un percorso concreto, quello delle cooperative sociali, che rimane la strada maestra da seguire, poiché consente di tutelare i livelli occupazionali, garantire i servizi e perché economicamente sostenibile alla luce dello stato disastrato dei conti lasciatici da chi ci ha preceduto. L’ipotesi della società in house è sostenibile solamente se la Regione potrà prevedere un impegno economico-finanziario di lungo periodo e soprattutto di corposa entità. La nostra amministrazione ha sempre assunto posizioni di dialogo e costruttive, mai demagogiche e populiste come, invece, quelle di chi, avendo lasciato una miriade di problemi, ha continuato a negare l’evidenza dei fatti e dei numeri certificati dai funzionari comunali e ribaditi dai revisori, nel corso dell’ultimo consiglio comunale, nel quale la minoranza si è data velocemente alla fuga. Vorrà dire che, a Pasquetta, dopo la fuga dal consiglio, conteremo altri leprotti nei campi che speriamo non facciano ulteriori danni, almeno nei prati in fiore”.

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
EUTANASIA - La storia di Piera Franchini

Eutanasia - Piera Franchini, a causa di una lesione al fegato ormai incurabile, andò in Svizzera per il suo suicidio assistito nel 2013.

EUTANASIA - Marco Cappato: «Caro Papa, e se sull'eutanasia il "crimine" foste voi a favorirlo?»

Eutanasia - Queste le dichiarazioni sulla propria pagina Facebook di Marco Cappato, esponente dei Radicali e dell'Associazione Luca Coscioni.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Lattoferrina Coronavirus - Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e gli altri" su Cusano Italia TV.