21 Settembre 2013

Il discorso del Vescovo Spreafico alle istituzioni: “Non vengo dalla Ciociaria, ma ho imparato ad apprezzare l’accoglienza e l’umanità di questa terra”

Di seguito l’intervento del vescovo di Frosinone-Veroli-Ferentino, S.E. Mons. Ambrogio Spreafico in occasione dell’incontro di ieri sera all’Auditorium Diocesano di Frosinone

“Ho voluto questo momento di riflessione con voi, che rappresentate i vari settori della società civile del nostro territorio per condividere la responsabilità che ciascuno di noi ha, pur nelle differenti competenze, davanti al momento difficili che stiamo attraversando. La Chiesa infatti non vive mai al di fuori della storia. Papa Francesco ce lo dimostra quotidianamente nelle sue parole, e soprattutto ce lo ha dimostrato nella giornata di digiuno e preghiera per la pace in Siria, in Medio Oriente e nel mondo, che dopo più di due anni di conflitto in Siria ha almeno scosso le coscienze dall’inettitudine e dalla rassegnazione di governi che non sono riusciti a mettere insieme nessuna decisione in così lungo tempo, se non l’unica sbagliata, la guerra. Papa Francesco ha parlato a Lampedusa di “globalizzazione dell’indifferenza” , grande male di una società malata che ragiona solo sui propri orizzonti senza visioni e senza sogni per il futuro. Ha detto: “La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere in bolle di sapone, che sono belle, ma non sono nulla, sono l’illusione del futile, del provvisorio, che porta all’indifferenza verso gli altri, anzi porta alla globalizzazione dell’indifferenza. In questo mondo della globalizzazione siamo caduti nella globalizzazione dell’indifferenza. Ci siamo abituati alla sofferenza dell’altro, non ci riguarda, non ci interessa, non è affare nostro!”.

Oggi la sofferenza degli altri è grande, non solo lontano da noi, ma anche in mezzo a noi. Credo che ognuno di voi abbia incontrato almeno qualcuno che fa fatica a vivere in questo tempo difficile. E sono persuaso che abbiate tutti ben presente che cosa significa oggi la disoccupazione nella nostra terra. Vi ho invitato a questo momento di riflessione  per condividere, nel rispetto delle differenze, quelle sinergie umane e spirituali di cui abbiamo bisogno per cercare soluzioni che ci aiutino a superare questo tempo di crisi. Troppe sono ancora la contrapposizioni che ci dividono. Troppi sono gli interessi contrastanti che ognuno afferma, con la fatica di far incontrare i propri con quelli degli altri. Noi come Chiesa non abbiamo soluzioni, se non affermare attraverso la nostra vita e alcune risposte concrete, poche purtroppo rispetto al bisogno, che siamo con voi, che siamo dalla parte di tutti, soprattutto di chi soffre di più. Del resto questa è la logica del Vangelo di Gesù, riaffermata in maniera così bella da quel grande papa che fu il Beato Giovanni XXIII, quando annunciando il Concilio vaticano II l’11 settembre 1962, parlò di una Chiesa di tutti, e particolarmente dei poveri.

Noi non potremo che essere questa Chiesa, come ha ribadito più volte anche papa Francesco, quando ha parlato di una Chiesa povera per i poveri. Loro saranno sempre i privilegiati, come furono per Gesù. Siamo qui insieme per ribadirlo, ma insieme per dire che la Chiesa non allontana e non esclude nessuno, anzi con la sua parola e il suo amore cerca di avvicinare tutti, perché crede profondamente che facciamo tutti parte del grande sogno di Dio, quello di essere una famiglia universale, inclusiva e non esclusiva. Noi, le nostre realtà, vorrebbero essere segno di questa famiglia, come dice il Concilio Vaticano II all’inizio della Costituzione sulla Chiesa, quando chiama la Chiesa  sacramento, cioè segno e strumento dell’unità della famiglia umana. Devo riconoscere con onestà che non sempre lo siamo, perché talvolta anche i cristiani non sanno prendere le distanze da quello spirito litigioso e contrapposto che contraddistingue la nostra società e il nostro paese, dove spesso si difende se stessi e il proprio interesse invece di perseguire il bene comune con responsabilità e lungimiranza.  Ma vorrei dirvi, che nonostante i nostri limiti, vorremo essere al servizio della gente che abita questa terra, perché sia un popolo e non resti frammenti di uomini e donne antagonisti, difesi, nemici, individualisti, poco capaci di lavorare insieme e di costruire un futuro migliore per i loro figli, degno della tradizione  di fede e di cultura di questa terra, della sua ricchezza umana e spirituale.

Come tutti sapete, non vengo dalla Ciociaria, ma ho imparato ad apprezzare l’accoglienza e l’umanità di questa terra, a conoscere le sue tradizioni, la sua cultura e la sua storia di fede. Siamo in un tempo in cui dobbiamo tirar fuori il meglio di noi, in cui ognuno deve rinunciare a qualcosa di sé per rendere possibile un futuro migliore per tutti. Ci sono ancora troppi interessi egoistici che frenano e ostacolano la realizzazione di questo impegno che deve essere di tutti. La contrapposizione tra forze e interessi opposti ha pesanti conseguenze  su questo territorio. La prima e la più grave è la scarsa autorevolezza nelle decisioni e nell’intervento sui gravi e annosi problemi che ci attanagliano. Vedi ad esempio la questione della Valle del Sacco, che si trascina a volte tra spese e organismi di dubbia utilità che poco hanno prodotto di concreto. Per non soffermarci purtroppo sulle tragiche conseguenze che producono consorterie di vario genere, palesi, come la criminalità organizzata, o subdole, come quelle che con quattro soldi si accaparrano i beni altrui, riducendo la gente alla miseria, magari facendo fallire le aste, o attraverso la triste piaga dell’usura.

Chiedo a tutti di ribellarsi a questo modo di vivere e di non rassegnarsi al presente difficile e complesso che viviamo, ma, ciascuno nel suo campo, faccia la sua parte interagendo con gli altri, cercando sempre e solo il bene comune e non innanzitutto quello personale. E poi bisogna evitare di riempirsi la bocca e le pagine dei giornali di parole vuote, come ad esempio quelle sul turismo religioso, di cui molti parlano, ma pochi o quasi nessuno crea sinergie perché si possa realizzare qualcosa di concreto che faccia conoscere i tesori di questa terra e vi porti anche benessere.  Dice un grande scrittore e pensatore ebreo morto nel secolo scorso, Martin Buber: “Cominciare da se stessi: ecco l’unica cosa che conta. In questo preciso istante non mi devo occupare di altro al mondo che non sia questo inizio. Ogni altra presa di posizione mi distoglie da questo mio inizio, intacca la mia risolutezza nel metterlo in opera e finisce per far fallire completamente questa audace e vasta impresa. Il punto di Archimede a partire dal quale posso da parte mia sollevare il mondo è la trasformazione di me stesso” (“Il cammino dell’uomo”). Si è sempre pronti a lamentarsi e ad incolpare gli altri. E’ un modo per sentirsi migliori e spesso per non assumersi nessuna responsabilità. Ma, se non si comincia da stessi, non si realizzerà mai nulla di buono e di importante, non si contribuirà a cambiare il corso della storia. Noi abbiamo oggi la responsabilità di impegnarci tutti a dare il nostro contributo per cambiare il corso della storia, perché siamo arrivati a un punto di non ritorno. I danni fatti nel passato al nostro territorio sono a dimostrarlo. O ci si ribella a un modo di vivere affaristico e egoista oppure, come dice Gesù, “periremo tutti allo steso modo”. Non esiste alternativa: o si lavora per il bene oppure si fa il male o lo si permette con l’indifferenza, che è sempre complicità. Ce lo chiedono le giovani generazioni, ce lo chiedono i più bisognosi, ma è una domanda nel cuore di tutti.

Sono convinto che in ognuno di noi, credente o non credente che sia, esista una grande forza di bene, che oggi bisogna far emergere per creare quelle sinergie necessarie perché inizi un tempo nuovo, migliore, più umano, più solidale. Non siamo tutti credenti allo stesso modo, ma insieme speriamo che il futuro possa essere migliore del presente se tutti lavoreremo sinergicamente per il bene con passione e intelligenza. Da soli ci si perde, insieme, lasciando da parte almeno un po’ quello che ci può dividere, possiamo contribuire a migliorare e a salvare il mondo in cui viviamo”.

+ Ambrogio Spreafico

DSC_5261_800

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
Ci ha lasciato Luigi Peticca

Si è spento a Sora, presso l'Ospedale SS. Trinità.

SORA - Il punto della sitazione sul nuovo caso di Coronavirus certificato in ospedale

Coronavirus - Si tratta di una donna di 65 anni positiva a un solo reagente ed attualmente in isolamento domiciliare.

SORA - Bonus Bici, 150 euro per chi vive nei comuni con meno di 50 mila abitanti, ecco come richiederlo

Il bonus, pari a 150 euro, potrà essere richiesto fino al 31 dicembre 2020.

Coronavirus: un nuovo caso positivo in provincia di Frosinone riscontrato presso il PS di Sora

Coronavirus - Lo ha annunciato oggi la Regione Lazio nel consueto aggiornamento quotidiano.

SORA - Paura al Serapide, ma questa volta è andata bene. Ora la messa in sicurezza

I lampeggianti accesi nei pressi della struttura hanno fatto subito pensare al peggio.

Oggi hai portato felicità e amore, benvenuto Tommaso!

Una magnifica giornata che la famiglia ha voluto condividere con tutti noi.

Ci ha lasciato Giuseppe Alati

Si è spento a Sora, presso la propria abitazione in via Carpine.

L'ex Carabiniere Reale sorano, Angelo Grossi, compie 102 anni. Tanti auguri!

Al termine del secondo conflitto mondiale fu decorato con la croce di guerra per i grandi servigi recati Paese. È stato amico dell'eroe di Fiesole, Alberto La Rocca.

On line il nuovo video-clip sull'era Covid-19 prodotto da due giovani Sorani doc per il rapper newyorkese "Necro"

Coronavirus - Lo sceneggiatore-regista Mattia Trezza, 27 anni (a sx nella foto), e il montatore-regista Stefano Mattacchione, 26enne (a dx), hanno intrapreso una proficua collaborazione con il Il rapper statunitense originario di Brooklyn.

SORA - Cercasi cameriere da bar

Annuncio valido fino al 6 Luglio. Contratto a tempo determinato con possibilità di trasformazione a tempo indeterminato.

SORA - Cercasi barista, contratto a tempo indeterminato

Possibilità di candidatura dal 06 al 08 Luglio.

È venuto a mancare Giuseppe Gerardo Lollo

Si è spento a Sora presso la propria abitazione in via Cocorbito.

VIS SORA: il nuovo allenatore è Giordano Maltesi

L'ex centrocampista volsco (dai piedi deliziosi) sostituisce Juan Andres Wachowicz.

CALCIO - Federico Di Stefano lascia il Sora. Il suo post sul social pieno d'amore per "Lei"

«Porterò per sempre con me ricordi indimenticabili. Ad maiora Sora»

SORA - Occupazione suolo pubblico: la nuova ordinanza emessa dal Sindaco De Donatis

Roberto De Donatis - Il testo è stato studiato e redatto con l'obiettivo di tutelare la salute pubblica e favorire la ripresa delle attività economiche sospese a dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

SORA - Pedonalizzazione centro storico: la proposta di Pio Conflitti

«Se il Consiglio comunale dovesse bocciare la proposta o stravolgerla, valuteremo se organizzare un Referendum popolare cittadino su questa materia, secondo quanto disposto dall’art. 48 dello Statuto comunale di Sora».

SORA - Farmacia comunale sempre più al fianco dei cittadini: stipulata convenzione con centro anziani

Coronavirus - De Donatis-Di Ruscio: «Questa convenzione esalta il modello pubblico da noi prescelto e conferma la bontà delle nostre intenzioni, ovvero creare un presidio comunale attento alle esigenze della popolazione».

De Donatis-Di Ruscio: «Grazie a tutti coloro che hanno dato aiuto nei giorni della pandemia Covid-19»

Coronavirus - Il Sindaco e l'assessore alle poltiche sociali hanno divulgato una nota congiunta di ringraziamento a nome di tutta l’Amministrazione.

45° anniversario della scomparsa di Antonio Valente. Il Prof. Mantova ricorda il genio sorano

L’Associazione Accademia del Leone, sta da tempo allestendo un Archivio-Museo a Sora, in collaborazione col Comune di Sora, che dovrebbe vedere la luce a breve.

Gianni Iacobelli

Intervista a Gianni Iacobelli, frontman della tribute band Tozzi-Morandi “Noi Capitani Coraggiosi”

Giovanni Palma

Avv. Giovanni Palma, Presidente del Sora Calcio

Elena Baldassarra

Associazione culturale "Iniziativa Donne", realtà no profit molto attiva sul territorio che promuove una cultura del rispetto.

Messaggio del Vescovo Antonazzo al mondo del lavoro

Il Vescovo di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo affronta il tema più delicato in questo momento post pandemia.

Angelo Sarra

Cantante, speaker radiofonico e doppiatore.

Carenza anestisti e non solo negli ospedali di Frosinone e provincia: il punto della situazione di Loreto Marcelli

Loreto Marcelli - “Come portavoce dei cittadini e vicepresidente della commissione Sanità della Regione Lazio ritengo che le soluzioni messe in campo ad oggi non siano ancora sufficienti”.

Ersilia Montesano

Preside dell'Istituto Comprensivo 2 di Sora.

Il M5S Sora propone di istituire il fondo "SorAiuta"

Coronavirus - Le dichiarazioni del portavoce e consigliere comunale del Movimento Cinque Stelle di Sora, Fabrizio Pintori.

ISOLA DEL LIRI - Domenica 05 Luglio terzo appuntamento targato "Space Music"

Tra i vari ospiti della giornata, suoneranno dal vivo Alessandro Spaziani con la sua batteria, Ernesto Dolvi, sassofonista e finalista a Italia’s Got Talent e il DJ Raffaele Bukowsky.

"Aeroporto di Roma Frosinone": costituito il comitato promotore

La struttura dovrebbe sorgere nei pressi del casello di Ferentino. Scalo pronto entro il 2024.

ASL FROSINONE - Dal 1° Luglio tornano i papà in sala parto

Asl Frosinone - Una volta accolto, l’accompagnatore riceverà istruzioni sulla necessità di rimanere a fianco della donna, senza spostarsi all’interno del reparto o dell’ospedale, dovendo osservare altresì tutte le precauzioni del caso.

"Peculato ed Induzione Indebita alla consegna di denaro": indagati due dipendenti comunali

Il provvedimento scaturisce da una complessa attività di indagine iniziata nel mese di luglio 2018.

«Nella nostra città riprende la movida serale, creando immotivati malumori». Parla il Sindaco di Isola del Liri

Massimiliano Quadrini - «Qualche piccolo raggruppamento temporaneo è naturale, ma è dovuto al passeggio delle tante persone e dei gruppi familiari che ci sono in città».

Coronavirus: il bollettino dello Spallanzani (Venerdì 03 Luglio)

Coronavirus Spallanzani - Il consueto aggiornamento sull'emergenza sanitaria in corso divulgato dall'Istituto Nazionale Malattie Infettive situato sulla Portuense.

GALATINA / FROSINONE - Il 61° e 72° Stormo dell'Aeronautica Militare insieme per brevettare nuovi piloti al servizio del Paese

Aeronautica Militare - Il Comando delle Scuole A.M./3ª Regione Aerea “laurea” gli allievi delle scuole di volo di Galatina e Frosinone. Tra loro anche i nuovi piloti di elicottero dei Vigili del Fuoco e della Capitaneria di Porto.

Coronavirus: oggi nel Lazio 31 nuovi positivi. D'Amato critico: «Casi di importazione ma anche calo di attenzione»

Coronavirus Lazio - Due casi in provincia di Frosinone uno dei quali riguarda una donna rientrata dal Perù.

Arpino: manutenzione stradale sulla SR 82 "Valle del Liri", risolta annosa vicenda

Massimo Sera - «Negli anni passati la manutenzione per garantire la funzionalità dei marciapiedi è stata eseguita con i propri mezzi dal Comune di Arpino»

Fontana Liri: il candidato Vittorio Venditti incontra i cittadini

Vittorio Venditti - L' incontro avrà inizio alle ore 10:30 e si protrarrà per due ore.

Luigi Vacana

Intervista al Vicepresidente della Provincia di Frosinone.