giovedì 7 Gennaio 2016

“Gianmarco uno di noi!”. I tifosi canarini ricordano commossi il 18enne “Leone del Matusa”

Il dolore per la prematura scomparsa di Gianmarco Ruspantini è più vivo che mai e sicuramente non basteranno anni per riuscire a metabolizzarlo. Una morte crudele quella del giovane di Tecchiena, avvenuta appena tre giorni dopo il raggiungimento della maggiore età. La tragedia del 31 dicembre ha trasformato in un tristezza e lacrime tutta la voglia di festeggiare l’arrivo del nuovo anno.

Ieri pomeriggio, a testimonianza di quanto questo drammatico evento abbia colpito il popolo frusinate, i tifosi gialloazzurri in trasferta a Sassuolo hanno voluto rendere il loro omaggio allo sfortunato ragazzo con due striscioni ed un commovente coro. “Gianmarco uno di noi”, queste le parole cantate dai tifosi canarini per il 18enne “Leone del Matusa” volato in cielo l’ultomo dell’anno.