8 Maggio 2012

Elezioni amministrative Frosinone 2012, Ottaviani si svincola: “Andremo oltre il centro-destra”.

Volendo interpretare maliziosamente le dichiarazioni rilasciate ieri sera dal candidato sindaco Nicola Ottaviani a La Provincia, potremmo affermare che è già iniziata la grande fuga dal Pdl, partito fondato direttamente da Berlusconi il 18 novembre 2007 in piazza San Babila a Milano (prima di salire in macchina), apparentemente senza le consultazioni di rito con gli alleati dell’opposizione (all’epoca c’era un Prodi traballante) e senza tutto il sudore (alias tempo) necessario per l’aggregazione delle sezioni, operazione fondamentale per la riuscita di un progetto politico.

Volendo, invece, dare il giusto peso alle dichiarazioni di colui che ha stravinto il primo turno elettorale a Frosinone con oltre il 44% dei consensi, ci sentiamo di condividerle poiché dopo anni spesi a discutere di case a Montecarlo piuttosto che di escort, sarebbe ora di parlare d’altro, ad esempio di infrastrutture, strade, ferrovie, insomma di tutto ciò che riguarda la qualità della vita dei cittadini.

Pertanto quando Ottaviani afferma che <<Frosinone è una città in braghe di tela che va tirata su con una proposta amministrativa capace di andare oltre il centro-destra ed il centro-sinistra>>, in realtà interpreta alla perferzione il pensiero di gran parte degli elettori. E’ chiaro, però, che oltre a leggere nel pensiero dei frusinati, il candidato del Pdl dovrà conquistare anche i loro occhi.

Lorenzo Mascolo – 24Network