23 Aprile 2016

Ciociaria Pontina: ecco perché anche Sezze e Terracina sono ciociare

Nella plurisecolare vicenda della storia dell’Italia la emigrazione ne rappresenta l’evento più terribile e traumatico e allo stesso tempo più glorioso e importante: si calcola che negli anni a partire dalla seconda metà del 1800, circa trenta milioni di italiani hanno abbandonato le loro terre: una cifra spaventosa che nessun’altra nazione registra di siffatta colossale entità! Calcolando i successori e gli eredi di tutta questa umanità disperata ma intrepida e coraggiosa, all’estero è presente, oggi, un’Italia numerosa una volta e mezzo quella originaria!

La nemesi altrettanto terribile e sconfortante vuole che questi circa ottanta-novanta milioni di originari italiani sparsi in tutto il pianeta, specie quelli in qualche modo sentimentalmente ancora legati alle antiche radici, in questi ultimi anni sono obbligati a costatare, con umiliazione e mortificazione, che l’Italia di oggi risulta collocata ai primi posti nelle graduatorie internazionali per corruzione e latrocini e privilegi ed inefficienza e agli ultimi per investimenti nella cultura nella ricerca nell’arte. Un fallimento e una distruzione di immagine imperdonabili.

E la Ciociaria nel gigantesco fenomeno della migrazione occupa il primo posto. Infatti tutto cominciò da qui, dalla Valcomino, inizialmente da alcuni paesini e loro frazioni i cui nomi sono scritti, anzi dovrebbero essere scritti, a caratteri cubitali nella storia nazionale della emigrazione: Picinisco e le sue frazioni di San Gennaro, di San Giuseppe, di Immoglie, di Serre; San Biagio Saracinisco, Vallerotonda e la sua frazione di Cardito nota in tutto il mondo,Villalatina e le sue frazioni di Vallegrande e di Agnone.

Tutto è nato qui, tra queste montagne ai piedi del Monte Meta, già nelle ultime decadi del 1700. Gli avamposti, sempre più numerosi, anno dopo anno, fino a divenire un flusso continuo, furono dapprima i padri di famiglia, poi i giovani ed adolescenti, armati dei loro strumenti: il piffero, la zampogna, l’organetto, il cane ammaestrato, i più fortunati il pappagallo o la scimmia, qualcuno anche con il povero orso marsicano e poi i mestieranti: ombrellaio, vasaio, arrotino, impagliatore, calzolaio… tutta questa umanità, disperata e affamata, abbandonò la propria patria ingrata, il Regno di Napoli, e si riversò nello Stato Pontificio, uno stato straniero ma sostanzialmente ricettivo: qui si disperse in tutto lo sconfinato latifondo romano andando a procacciarsi di che sostentarsi perfino nelle mefitiche e mortali Paludi Pontine, altri, migliaia, si insediarono a Roma medesima, altri ancora prolungarono il loro cammino fino al di là delle Alpi e dopo mesi di marcia, misero piede a Londra, in Scozia, poi a Parigi, a Berlino, Duesseldorf…

Dalla Valcomino la diaspora si estese ad altre località: gli abitanti di Terelle, per esempio, un comune a circa mille metri di altitudine ai piedi del Monte Cairo, si riversarono a Terracina in una zona al limitare delle Paludi e lì si stanziarono: i loro successori sono ancora in molti nel medesimo luogo della città. Particolari contingenze storiche del momento furono motivo dell’esodo anche da altre località dello Stato Pontificio medesimo verso la Ciociaria Pontina cioè da Boville Ernica all’epoca Bauco, da Monte S.Giov. Campano, da Veroli, da Ceccano, da Morolo, da Patrica, da Sora medesima… E uno dei luoghi di destinazione di queste creature in cerca del proprio pane o di migliori condizioni, fu una zona della città di Sezze e cioè la Valle di Suso, particolarmente amena e fertile: in questa località già agli inizi del 1800 si contavano circa tremila immigrati provenienti sia dallo Stato Pontificio e sia dal Regno di Napoli: la semplice scorsa all’elenco telefonico dei paesi e cittadine sui monti Lepini, Ausoni, Aurunci, anche di Terracina, Anzio, Nettuno, Velletri, senza calcolare Roma città, darà una idea incredibile di quanta e quale sia stata la entità di tali presenze dei secoli precedenti!

E quanto avviene a Suso di Sezze è specialmente degno di attenzione: già ai primi anni del 1820, anni terribili in tutta la zona in quanto infestata da pericolose bande di briganti, la Chiesa sentì la esigenza di offrire a questa umanità sofferente e abbandonata la possibilità almeno del conforto della pratica religiosa per cui il sensibile promotore di tale iniziativa, più tardi papa Gregorio XVI, ordinò la costruzione di una chiesa, la cosiddetta Chiesa Nuova, che ancora si leva nei medesimi luoghi: doveva essere uno spettacolo unico vedersi levare una chiesa in mezzo ad una distesa di centinaia di misere capanne a forma di cono. Il valore simbolico ma soprattutto storico della Chiesa Nuova è completamente sfuggito all’attenzione degli studiosi e degli esperti della materia ma anche, e più semplicemente, delle istituzioni ciociare in generale: in effetti ci troviamo di fronte al vero e fino ad oggi unico memoriale della emigrazione italiana!

E’ senza dubbio alcuno motivo di rammarico che lo Stato non si sia fatto fino ad oggi iniziatore e promotore di un simulacro commemorativo della gigantesca diaspora di italiani al di là delle Alpi e dell’Oceano, diaspora che, tra il tanto altro, per anni ed anni è equivalsa ad una sensibile fetta di prodotto interno lordo, grazie alle rimesse! Eppure, nulla e niente. E una parvenza, a mio parere una parvenza, di museo nazionale dell’emigrazione si è registrata solo un pugno di anni addietro, al Vittoriano di Roma: una parvenza perché si fa iniziare il fenomeno migratorio solo dopo l’unità nazionale, perché è da quegli anni che assunse progressivamente dimensioni imponenti tali da spopolare mezza Italia, ma viene ignorata ed omessa la transumanza umana di cento anni prima, vicenda che ha impresso ai luoghi interessati marchi e tracce oggi più vivi che mai sia in Ciociaria e a Roma e sia nelle località transalpine più sopra ricordate. Vano è stato ogni nostro tentativo presso i responsabili di rivedere ed ampliare i contesti narrativi ed esplicativi: a dirla ancora più semplicemente, il Museo Nazionale della Emigrazione di Roma ignora o non conosce la Ciociaria: in effetti è dunque un museo regionale! E la Chiesa Nuova di Suso di Sezze rappresenta oggi, dunque, il solo simbolo commemorativo reale della emigrazione ciociara prima, nazionale dopo.

Michele Santulli

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
Operazione "Le due Valli": Carabinieri di Sora in azione all'alba di stamani

Trenta militari per una poderosa spallata al mercato della droga in Valle di Comino e Valle del Liri.

È venuta a mancare Romanina Lauri

Si è spenta a Sora presso l'Ospedale SS. Trinità.

Ci ha lasciato Luigi Peticca

Si è spento a Sora, presso l'Ospedale SS. Trinità.

SORA - Bonus Bici, 150 euro per chi vive nei comuni con meno di 50 mila abitanti, ecco come richiederlo

Il bonus, pari a 150 euro, potrà essere richiesto fino al 31 dicembre 2020.

È venuta a mancare Francesca Fortuna

Si è spenta a Sora, presso l'Ospedale SS. Trinità.

Oggi hai portato felicità e amore, benvenuto Tommaso!

Una magnifica giornata che la famiglia ha voluto condividere con tutti noi.

Coronavirus: un nuovo caso positivo in provincia di Frosinone riscontrato presso il PS di Sora

Coronavirus - Lo ha annunciato oggi la Regione Lazio nel consueto aggiornamento quotidiano.

Ci ha lasciato Giuseppe Alati

Si è spento a Sora, presso la propria abitazione in via Carpine.

L'ex Carabiniere Reale sorano, Angelo Grossi, compie 102 anni. Tanti auguri!

Al termine del secondo conflitto mondiale fu decorato con la croce di guerra per i grandi servigi recati Paese. È stato amico dell'eroe di Fiesole, Alberto La Rocca.

SORA - Cercasi cameriere da bar

Annuncio valido fino al 6 Luglio. Contratto a tempo determinato con possibilità di trasformazione a tempo indeterminato.

CALCIO - Sora, ingaggiato Manuel De Carolis, figlio del mitico bomber Tommaso "Battaglia"

Un acquisto che ha suscitato dolci ricordi nelle menti dei tifosi bianconeri. Ingaggiata anche la giovane mezzala classe 2001 Mattia Regoli proveniente dal Ferentino.

SORA - Il punto della sitazione sul nuovo caso di Coronavirus certificato in ospedale

Coronavirus - Si tratta di una donna di 65 anni positiva a un solo reagente ed attualmente in isolamento domiciliare.

VIS SORA: il nuovo allenatore è Giordano Maltesi

L'ex centrocampista volsco (dai piedi deliziosi) sostituisce Juan Andres Wachowicz.

On line il nuovo video-clip sull'era Covid-19 prodotto da due giovani Sorani doc per il rapper newyorkese "Necro"

Coronavirus - Lo sceneggiatore-regista Mattia Trezza, 27 anni (a sx nella foto), e il montatore-regista Stefano Mattacchione, 26enne (a dx), hanno intrapreso una proficua collaborazione con il Il rapper statunitense originario di Brooklyn.

CALCIO - Luigi Palmieri nuovo Direttore Generale del Sora

Il presidente avv. Giovanni Palma intende preparare tutto al meglio per l'eventuale salto in Serie D.

SORA - Farmacia comunale sempre più al fianco dei cittadini: stipulata convenzione con centro anziani

Coronavirus - De Donatis-Di Ruscio: «Questa convenzione esalta il modello pubblico da noi prescelto e conferma la bontà delle nostre intenzioni, ovvero creare un presidio comunale attento alle esigenze della popolazione».

De Donatis-Di Ruscio: «Grazie a tutti coloro che hanno dato aiuto nei giorni della pandemia Covid-19»

Coronavirus - Il Sindaco e l'assessore alle poltiche sociali hanno divulgato una nota congiunta di ringraziamento a nome di tutta l’Amministrazione.

Roberto De Donatis

Roberto De Donatis - Dimensionamento scolastico, sicurezza in Via Cellaro, cantiere scuola innovativa G124 Renzo Piano, riqualificazione ex Tomassi.

SORA - Pedonalizzazione centro storico: la proposta di Pio Conflitti

«Se il Consiglio comunale dovesse bocciare la proposta o stravolgerla, valuteremo se organizzare un Referendum popolare cittadino su questa materia, secondo quanto disposto dall’art. 48 dello Statuto comunale di Sora».

45° anniversario della scomparsa di Antonio Valente. Il Prof. Mantova ricorda il genio sorano

L’Associazione Accademia del Leone, sta da tempo allestendo un Archivio-Museo a Sora, in collaborazione col Comune di Sora, che dovrebbe vedere la luce a breve.

CALCIO - Federico Di Stefano lascia il Sora. Il suo post sul social pieno d'amore per "Lei"

«Porterò per sempre con me ricordi indimenticabili. Ad maiora Sora»

Gianni Iacobelli

Intervista a Gianni Iacobelli, frontman della tribute band Tozzi-Morandi “Noi Capitani Coraggiosi”

Giovanni Palma

Avv. Giovanni Palma, Presidente del Sora Calcio

Messaggio del Vescovo Antonazzo al mondo del lavoro

Il Vescovo di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo affronta il tema più delicato in questo momento post pandemia.

SORA - M5S: «Basta degrado a Pianello». La nota di Fabrizio Pintori

Fabrizio Pintori - Il portavoce e consigliere comunale del Movimento Cinque Stelle di Sora esorta l’Amministrazione De Donatis a voler recepire le istanze dei residenti.

Angelo Sarra

Cantante, speaker radiofonico e doppiatore.

Ersilia Montesano

Preside dell'Istituto Comprensivo 2 di Sora.

Carenza anestisti e non solo negli ospedali di Frosinone e provincia: il punto della situazione di Loreto Marcelli

Loreto Marcelli - “Come portavoce dei cittadini e vicepresidente della commissione Sanità della Regione Lazio ritengo che le soluzioni messe in campo ad oggi non siano ancora sufficienti”.

Il M5S Sora propone di istituire il fondo "SorAiuta"

Coronavirus - Le dichiarazioni del portavoce e consigliere comunale del Movimento Cinque Stelle di Sora, Fabrizio Pintori.

"Aeroporto di Roma Frosinone": costituito il comitato promotore

La struttura dovrebbe sorgere nei pressi del casello di Ferentino. Scalo pronto entro il 2024.

ASL FROSINONE - Dal 1° Luglio tornano i papà in sala parto

Asl Frosinone - Una volta accolto, l’accompagnatore riceverà istruzioni sulla necessità di rimanere a fianco della donna, senza spostarsi all’interno del reparto o dell’ospedale, dovendo osservare altresì tutte le precauzioni del caso.

Coronavirus: 13 nuovi casi nel Lazio, 2 di rientro dal Bangladesh e 1 da Londra

Coronavirus Lazio - L'assessore regionale Alessio D'Amato: «Voglio rivolgere un invito a tutti i ristoratori al rispetto dell’ordinanza che prevede che venga richiesto per ogni tavolo almeno un recapito telefonico, tale disposizione in questa circostanza è fondamentale per il tracciamento dei contatti».

"Peculato ed Induzione Indebita alla consegna di denaro": indagati due dipendenti comunali

Il provvedimento scaturisce da una complessa attività di indagine iniziata nel mese di luglio 2018.

«Nella nostra città riprende la movida serale, creando immotivati malumori». Parla il Sindaco di Isola del Liri

Massimiliano Quadrini - «Qualche piccolo raggruppamento temporaneo è naturale, ma è dovuto al passeggio delle tante persone e dei gruppi familiari che ci sono in città».

GALATINA / FROSINONE - Il 61° e 72° Stormo dell'Aeronautica Militare insieme per brevettare nuovi piloti al servizio del Paese

Aeronautica Militare - Il Comando delle Scuole A.M./3ª Regione Aerea “laurea” gli allievi delle scuole di volo di Galatina e Frosinone. Tra loro anche i nuovi piloti di elicottero dei Vigili del Fuoco e della Capitaneria di Porto.

Arpino: manutenzione stradale sulla SR 82 "Valle del Liri", risolta annosa vicenda

Massimo Sera - «Negli anni passati la manutenzione per garantire la funzionalità dei marciapiedi è stata eseguita con i propri mezzi dal Comune di Arpino»

Fontana Liri: il candidato Vittorio Venditti incontra i cittadini

Vittorio Venditti - L' incontro avrà inizio alle ore 10:30 e si protrarrà per due ore.

Coronavirus: il bollettino dello Spallanzani (Venerdì 03 Luglio)

Coronavirus Spallanzani - Il consueto aggiornamento sull'emergenza sanitaria in corso divulgato dall'Istituto Nazionale Malattie Infettive situato sulla Portuense.