23 Aprile 2013

CGIL FP: “Rilanciamo i servizi pubblici per superare la crisi”

FP

Non c’è giorno senza che venga pubblicata una statistica sulla povertà crescente delle famiglie. Ma per capirlo basta stare a contatto con i problemi delle persone, come questo sindacato fa quotidianamente. La Categoria che rappresento – scrive il Segretario Generale della CGIL FP di Frosinone, Beatrice Moretti – ha sempre avuto ben chiaro ciò di cui hanno bisogno le persone in difficoltà economiche e abbiamo denunciato pubblicamente i pericoli prodotti dalla disperazione della povera gente: in una fase di crisi come questa la domanda di servizi pubblici e di un sistema sociale in grado di proteggere ovviamente cresce.

Le nostre grida di allarme sono state purtroppo inascoltate e lo stesso risultato elettorale nazionale è il frutto di tutto ciò che non è stato fatto. A questo punto è innegabile per tutti però la forte richiesta di cambiamento che il risultato del voto consegna: i cittadini chiedono prima di tutto risposte efficaci ed immediate ai loro bisogni individuali materiali e solo poi eventualmente, in ordine di priorità, qualora ve ne fossero le condizioni, vengono i principi ed i valori.

Se le famiglie non hanno soldi allora è chiaro che ci si cura anche di meno e che ci si rivolga di più alla sanità Pubblica. Anche il  recente Congresso Nazionale dei Docenti  di Odontoiatria lo ha asserito con i dati secondo cui una famiglia su tre non può più permettersi di affrontare il costo di una cura odontoiatrica privata, così rinuncia, rinvia o torna all’assistenza pubblica. La domanda di assistenza specializzata al SSN ha avuto infatti un’impennata del 20% in un solo anno.

In questo momento di profonda crisi allora bisogna rilanciare i Servizi Pubblici, che altrimenti rischiano il collasso, per cui priorità deve essere la Sanità, pubblica e privata accreditata ovviamente. In tale contesto, ancora più drammatica e urgente appare così la vertenza del S. Raffaele di Cassino, che vede 466 lavoratori senza stipendio da quasi tre mesi ormai, ein cui si assiste ad un continuo rimpallo di responsabilità tra Regione, AUSL e proprietà.

Intanto oggi pomeriggio siamo convocati alla AUSL di Frosinone per discutere dell’applicazione delle Spending Review sull’appalto del CUP, dopo che nella AUSL di Frosinone si è già tagliato retroattivamente su appalti di pulizie,  mensa etc. La FP CGIL preannuncia di essere pronta a mettere in campo ogni iniziativa necessaria ad impedire tagli di ore contrattuali per i lavoratori, visto che abbiano denunciato pubblicamente che servizi importanti della AUSL di Frosinone non passano ad esempio per l’agenda CUP, per cui non si può tagliare su ciò che va invece potenziato, per rendere un servizio migliore ai cittadini e per garantire la trasparenza sulle liste di attesa.

Ma non va meglio nei nostri Enti Locali: basta pensare ai 42 milioni di debiti del Comune di Frosinone e alle dichiarate possibili difficoltà per pagare gli stipendi dei dipendenti nei prossimi mesi. La nostra Provincia poi è afflitta dal dramma della vertenza  Multiservizi, con lo spacchettamento della società tra tanti piccoli appalti, che stanno per passare in gestione a varie cooperative sociali, con drastici tagli degli stipendi che sono già al limite della sussistenza. In tanti anzi troppi Enti Locali della provincia vi sono comunque situazioni di difficoltà finanziaria, che si traducono in mancato pagamento di tutte le indennità accessorie al personale dipendente e a riduzione dei servizi pubblici erogati.

E’ necessario e urgente reagire alla crisi del nostro comprensorio, rilanciando il lavoro pubblico e soprattutto migliorando i servizi pubblici erogati, prima di tutto attraverso una seria riqualificazione del personale coinvolto, che deve essere messo in condizione di sapere e potere soddisfare al meglio e in tempi accettabili le istanze dell’utenza.

Di fronte a tale scenario anche il Sindacato tutto deve però essere capace di fronteggiare e gestire tutte queste complicate vertenze, consapevole che non vi è un’esperienza analoga o un modello sperimentato da poter seguire, ma è necessario anche da parte nostra capacità di adattamento, cercando prima di ogni altra cosa di ricostruire un sistema solidaristico e mutualistico tra i lavoratori, dimostrando almeno noi di voler davvero andare incontro alla  generale domanda di cambiamento.

Frosinone, 23 aprile 2013

CGIL FP di Frosinone
Il Segretario Generale
Dr.ssa Beatrice MORETTI

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
Coronavirus: la situazione complessiva nel Lazio

Coronavirus Lazio - La ripartizione complessiva dei casi dall'inizio della pandemia.

Peste bubbonica: nuovo allarme dalla Cina

Peste bubbonica Cina - Un bimbo di tre anni ha contratto il morbo nel sud del Paese.

Napoli, bambino si lancia dal decimo piano e muore. Aveva appena 11 anni

Napoli bambino - Il Dramma intorno alla mezzanotte nella zona di Mergellina.

4 Ristoranti di Alessandro Borghese a Frosinone. Quali saranno i locali partecipanti alla trasmissione?

Alessandro Borghese - Alessandro Borghese è stato avvistato stamani a Frosinone con il suo Peugeot Traveller.

Bando di concorso in Banca d'Italia: requisiti, prove e come partecipare

Bando di concorso - Banca d'Italia seleziona 30 laureati in ingegneria e statistica per assunzioni a tempo indeterminato. Candidature online entro il 27 ottobre.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Lattoferrina Coronavirus - Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e gli altri" su Cusano Italia TV.