16 Settembre 2015

Cani antidroga nelle scuole di Frosinone e provincia: ci saranno per tutto l’anno

Dalle materne alle superiori la prima campanella è suonata ormai per tutti gli studenti della Provincia di Frosinone che si apprestano a vivere un nuovo anno scolastico. Nei loro zaini libri e quaderni, ma anche un diario – Un anno con Vis e Musa – che la Polizia di Stato ha voluto a loro dedicare e che è stato consegnato lo scorso 3 giugno dal Capo della Polizia Prefetto Alessandro Pansa.

Un agenda ricca di significato che vuole essere l’appuntamento giornaliero con la legalità. Il rispetto delle regole, la capacità di scegliere sempre il bene sul male, questi i principi ispiratori del diario che ogni giorno dell’anno servirà ai ragazzi a capire da che parte devono stare. Un approccio immediato con il mondo dei più giovani fatto di sogni e speranze per aiutarli a realizzare i loro desideri sempre all’insegna della legalità. Proprio in quest’ottica sono iniziati, contestualmente all’inizio delle lezioni, i servizi di controllo mirati presso tutte le scuole.

L’attività – ha sottolineato il Questore Santarelli – si pone come un trait d’union tra il messaggio di legalità proposto nel diario e la pratica realizzazione dello stesso, ponendo in essere tutte le condizioni per consentire agli studenti di lavorare in un clima di serenità e sicurezza. I servizi di controllo saranno predisposti giornalmente in tutta la provincia con l’impiego di agenti di Polizia in divisa ed in borghese e, nei casi in cui se ne ravvisasse la necessità, anche con unità cinofile antidroga.

Saranno inoltre implementati – prosegue il Dott. Santarelli – i rapporti con i vari Dirigenti Scolastici al fine di creare una costante collaborazione e stimolare gli studenti a segnalare ogni tipo di situazione di disagio.
“Esserci sempre !” – conclude il Questore – è questo il messaggio per tutti gli studenti.

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
EUTANASIA - La storia di Piera Franchini

Eutanasia - Piera Franchini, a causa di una lesione al fegato ormai incurabile, andò in Svizzera per il suo suicidio assistito nel 2013.

EUTANASIA - Marco Cappato: «Caro Papa, e se sull'eutanasia il "crimine" foste voi a favorirlo?»

Eutanasia - Queste le dichiarazioni sulla propria pagina Facebook di Marco Cappato, esponente dei Radicali e dell'Associazione Luca Coscioni.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Lattoferrina Coronavirus - Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e gli altri" su Cusano Italia TV.