5 Giugno 2012

198° ANNUALE FONDAZIONE ARMA CARABINIERI

Un grato e rispettoso saluto lo rivolgo a lei Sig. Prefetto ed a tutte le autorità religiose, civili e militari presenti, alle personalità della politica, della Magistratura, della cultura, del mondo economico, ai Responsabili, Dirigenti e Comandanti delle altre Forze di Polizia, agli Ufficiali delle altre Forze Armate, ai rappresentanti degli organi di informazione, agli Ufficiali, Marescialli, Brigadieri, Appuntati e Carabinieri ed ai loro familiari nonché ai delegati degli organi di rappresentanza, a tutti i gentili ospiti, gli amici e simpatizzanti dell’Arma.

Un sentito ringraziamento ai Sindaci dei Comuni intervenuti numerosi con i gonfaloni ed alle associazioni combattentistiche e d’arma.

Un particolare saluto e ringraziamento lo rivolgo ai rappresentanti dell’Associazione Nazionale Carabinieri,  testimoni di continuità dei nostri valori e della nostra lunga tradizione, i quali anche quest’anno hanno voluto, ancor più numerosi, marciare orgogliosamente insieme ai colleghi in servizio.

Insieme a loro il nostro pensiero è rivolto alle  vittime del tragico incidente stradale che ha coinvolto un pullman a bordo del quale viaggiavano gli appartenenti all’Associazione nazionale carabinieri di Aprilia diretti al raduno nazionale di Venezia.

Quest’ultimo avvenimento ha trasformato un momento di gioia e di festa in un grave lutto, con tre donne e due uomini deceduti ed altri numerosi rimasti feriti. Una di queste vittime, Maria Domenica Colella era originaria di questa provincia.

Naturalmente il nostro pensiero va anche alle vittime innocenti causate dal devastante terremoto che ha colpito l’Emilia Romagna ed a quelle dell’attentato di Brindisi. Un pensiero di vicinanza ai familiari del compianto Col. Giovanni Cantice.

Un caloroso abbraccio agli orfani, alle vedove ed ai parenti tutti dei militari caduti, i quali sono consapevoli di poter sempre contare sulla vicinanza di tutta la grande famiglia dell’Arma.

Desidero inoltre, a nome di tutti i Carabinieri della Provincia, esprimere gli auguri più affettuosi di una pronta guarigione all’Abate di Montecassino, Dom Pietro Vittorelli.

Un grazie al Dottor Mario Mandarelli – Direttore dell’Ufficio
Scolastico Provinciale ed alla Professoressa Campagna che hanno raccolto l’invito ad organizzare un concorso di scrittura avente come tema “la cultura della legalità”.

Grazie all’amico Col. Elio Volpari, Comandante del 72° Stormo di Frosinone, ed ai suoi militari, per la preziosa e sempre disponibile collaborazione fornita.

Un ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito all’organizzazione di questa cerimonia, che abbiamo voluto semplice e sobria, in un momento così delicato per il Paese, ed alla nostra speaker Marina Testa.  

Un sincero ringraziamento lo rivolgo anche a quanti non sono potuti intervenire ma che hanno comunque dimostrato la loro vicinanza all’Arma, facendo pervenire il loro messaggio.

L’Arma dei Carabinieri si avvicina a celebrare i 200 anni della sua storia sempre caratterizzata da quei valori che la contraddistinguono e ne fanno l’istituzione più amata dai cittadini.

Onestà, coraggio, passione, abnegazione, spirito di sacrificio e senso del dovere, sono i nostri più importanti valori, che emergono anche dalle motivazioni delle ricompense che saranno consegnate a breve ai militari di questa Provincia. Militari particolarmente distintisi sia per le loro spiccate capacità professionali, ma soprattutto per il coraggio ed il grande senso del dovere e spirito di sacrificio evidenziati in situazioni di pericolo, anche a rischio di compromettere la propria incolumità.

Molte sono state le criticità affrontate in questo anno appena trascorso ed importanti sono stati i risultati conseguiti.

Ciò che più ci ha messo a dura prova è stata l’emergenza neve dello scorso febbraio.

In occasione delle eccezionali nevicate alcune località rimanevano completamente isolate. Tutto il personale si è prodigato, senza risparmio di energie ed ininterrottamente per più giorni, in varie operazioni di soccorso alle popolazioni, in particolare persone anziane ed ammalati bisognosi di cure mediche non differibili, intere famiglie con donne e bambini rimasti intrappolati all’interno di autovetture e delle abitazioni isolate. Abbiamo, unitamente alle altre istituzioni, coadiuvato il personale dei vari Enti impegnati, a loro volta, al ripristino dei servizi di prima necessità quali viabilità, energia elettrica, acqua e gas.

Nei giorni di maggiore criticità sono stati effettuati 5.000 interventi, mediante l’utilizzo di tutti i carabinieri della provincia, lavorando anche 24 ore al giorno, cercando di risolvere importanti problemi che a volte ci sembravano insormontabili; ben 16.944 sono state le chiamate di richiesta di soccorso effettuate al 112, alle quali abbiamo dato risposta, unitamente a tutte le altre istituzioni.

Di grande aiuto sono stati in quei giorni i supporti di personale e automezzi speciali del Reggimento Carabinieri Lazio, richiesti ed inviatici dal comando superiore, che ci hanno consentito di raggiungere località ed abitazioni dove nessuno era riuscito ad arrivare.

Abbiamo dovuto gestire, con fermezza e determinazione, ma allo stesso tempo con equilibrio ed umanità, la situazione dell’ordine pubblico che rischiava di degenerare a causa degli animi giustamente esasperati della popolazione sottoposta a particolari disagi da più giorni.

In quei giorni di grande impegno tutti abbiamo avuto la gratificazione e la consapevolezza che ancor più stretto si era fatto il legame con i cittadini.

Questa cerimonia è anche l’occasione di fare un consuntivo delle attività svolte nell’ultimo anno dai Carabinieri di questa provincia.

Il dato più significativo è sia l’aumento notevole dell’attività repressiva con l’incremento degli arresti (+27% nel 2011 rispetto ai dati dell’anno precedente; complessivamente 1200 sono le persone arrestate dall’1 gennaio 2011 ad oggi). Sono aumentate anche le persone deferite in stato di libertà (+25,13%) e notevole è stato l’impegno ed i risultati dell’attività preventiva. Le proposte di Foglio di via Obbligatorio sono  aumentate del 108% (1813) nei confronti di cittadini italiani e stranieri, con a carico precedenti per reati contro il patrimonio ed altro,  sorpresi nei pressi di isolate abitazioni e/o obiettivi sensibili, che normalmente giungono da altre province per commettere reati, creando nei cittadini una  maggiore percezione di insicurezza.

Da sottolineare è la ulteriore diminuzione dei furti e delle rapine in questi primi mesi dell’anno, un dato in controtendenza rispetto ai dati nazionali.

Sono stati infatti ulteriormente incrementati i controlli al fine di impedire la commissione di rapine in danno di abitazioni isolate ed in orario notturno, fenomeni che maggiormente colpiscono l’opinione pubblica perché a volte perpetrati  mediante violenze e minacce. Il nostro impegno sarà come al solito ai massimi livelli per riuscire ad individuare ed assicurare alla giustizia i responsabili di tali efferati delitti.

In questo ultimo anno sono state condotte molte brillanti attività investigative, coordinate in maniera sempre più incisiva dalle Procure di Frosinone e Cassino, conclusesi con operazioni che hanno portato alla cattura di numerosi soggetti appartenenti a sodalizi criminosi. Tutti i reparti dipendenti hanno contribuito ad elevare la qualità e la quantità delle attività di indagine. Sia il nucleo investigativo del reparto operativo del comando provinciale, sia i nuclei operativi e radiomobili delle compagnie hanno dato prova di grande professionalità e competenza, operando anche in collaborazione con le omologhe strutture investigative di altre forze di polizia. Oltre ai reparti investigativi, anche le Stazioni, alle quali di solito viene devoluto l’incarico di svolgere il controllo del territorio, si sono disimpegnate molto bene nelle attività investigative, riuscendo ad individuare i responsabili di gravi reati. Proprio recentemente sono stati arrestati i responsabili di diverse rapine commesse in abitazioni, banche, farmacie ed esercizi commerciali. 

Notevole è stata anche l’azione di controllo svolta di iniziativa o su delega dell’A.G. nei confronti delle attività che possono provocare danni all’ambiente (in particolare l’attenzione è molto alta sulle industrie della valle del Sacco). I controlli, svolti in collaborazione con NOE e Arpa, hanno già consentito di ottenere concreti risultati. Tali attività  saranno ulteriormente sviluppate nell’immediato futuro, perché sempre più  numerose sono lesegnalazioni dei cittadini e dalle associazioni.

Sono stati altresì effettuati controlli atti a prevenire e reprimere il fenomeno dell’abusivismo edilizio, procedendo a numerose denunce e sequestri.

L’attuale contesto, caratterizzato dagli ultimi eventi, ha reso indispensabile continuare a contrastare in maniera costante i reati predatori e monitorare il territorio al fine di prevenire le infiltrazioni della criminalità organizzata.

Sono sicuro che tali attività in questa Provincia saranno rese ancor più incisive grazie alla serena e saggia azione di coordinamento svolta da S.E. il  Prefetto Dr. Eugenio SOLDÀ, alle sinergie con la Magistratura e con le altre Forze di Polizia. In particolare le quotidiane attività svolte con la Polizia di Stato e con la Guardia di Finanza sono ancor più efficaci grazie ai rapporti di amicizia sincera e leale che mi legano al Questore Dott. Giuseppe De Matteis ed al Col. Roberto Piccinini.

Un ringraziamento va anche ai diversi reparti speciali dell’Arma (NAS, NOE, NIL, TPC, RIS, Nucleo Elicotteri, ROS, ecc.) che ci hanno garantito la loro costante e qualificata presenza sul territorio, in sinergia con i nostri comandi territoriali.

Nonostante il calo complessivo dei delitti commessi nella Provincia di Frosinone nel 2011 ed il contestuale incremento dell’attività preventiva e repressiva abbiano mostrato  gli ottimi risultati ottenuti sia dall’Arma dei  Carabinieri che dalle altre Forze di Polizia, abbiamo la consapevolezza che occorre fare ancora meglio.

E’ per questo che abbiamo voluto approntare un vademecum per fornire un contributo alla formazione della cultura della legalità e della sicurezza, al fine di migliorare ulteriormente il rapporto di fiducia tra la collettività, l’Arma dei Carabinieri e le altre istituzioni e contrastare in maniera ancora più efficace ogni forma di criminalità.

Il Comando Provinciale attraverso i 55 Comandi di Stazione e le 6 Compagnie dipendenti, nonché con l’ausilio degli appartenenti all’Associazione Nazionale Carabinieri, sta effettuando incontri presso le Parrocchie, i Centri anziani, i Comuni e presso tutte le Associazioni interessate al problema della sicurezza presenti sul territorio, al fine di illustrare i suggerimenti riportati nel “vademecum informativo” del progetto “Cittadino Sicuro ed Informato”. Tale attività sta già consentendo di utilizzare gli spunti, le richieste ed i suggerimenti avanzati dai cittadini nel corso degli incontri, al fine di poter migliorare l’organizzazione e l’effettuazione dei servizi d’istituto, rendendoli più aderenti alle esigenze del territorio. In questi incontri viene richiesta sempre una maggiore collaborazione dei cittadini, quali ulteriori “sentinelle della sicurezza”, invitandoli a rivolgersi sempre più alle istituzioni. 

Per concludere, come lo scorso anno, voglio rivolgermi a tutti i Carabinieri di ogni grado, che con me hanno condiviso un anno di lavoro serio e faticoso, ma proprio per questo ancora una volta ricco di soddisfazioni. A tutti gli Ufficiali, Luogotenenti, Marescialli, Brigadieri, Appuntati e Carabinieri esprimo, certo di interpretare i sentimenti di tutti i cittadini, il mio più vivo compiacimento ed il ringraziamento per il contribuito fornito con  spirito di sacrificio, coraggio ed abnegazione, al fine di rendere sempre più sicuro il nostro territorio.

Sono ancor più sicuro, a distanza di un anno, che, sorretti  dall’affetto costante delle nostre famiglie, nonché dal sostegno della nostra Patrona la Vergine Maria Virgo Fidelis, continueremo insieme ad operare con motivazione, impegno ed entusiasmo, sempre al servizio dei cittadini.

VIVA L’ARMA DEI CARABINIERI. VIVA L’ITALIA

 

 

Durante la cerimonia il Comandante Provinciale e le Autorità hanno proceduto alla consegna di riconoscimenti concessi quale prima attestazione di merito ad alcuni militari dell’Arma prescelti fra numerosi episodi che hanno visto protagonisti i Carabinieri della provincia di Frosinone in un quadro di intensa attività operativa, ricca di risultati e frutto del corale impegno di tutti i Reparti che si sono particolarmente distinti in attività di servizio: 

 

Encomio Semplice del  Comandante del Comando Interregionale Carabinieri “Podgora” al Luogotenente Marcello COLELLA, Comandante del Nucleo Operativo di Anagni, Luogotenente Angelo PIZZOTTI Comandante del Nucleo Operativo di Frosinone, Maresciallo Capo Dario POGGIANI e Maresciallo Capo Antonio DE CRESCENZO, Vice Brigadiere Armando PALMERI ed Appuntato Scelto Massimo RECCHIA, addetti al Nucleo Operativo di Anagni,  Maresciallo Capo Santino MESSORE, Brigadiere Enzo BERLANO, Brigadiere Giuseppe FROÌÌO, Vice Brigadiere Alfonso GRIECO, addetti al Nucleo Operativo di  Frosinone e Appuntato Scelto Elio ROSSIGNOLO, addetto alla Stazione Carabinieri di Pofi:

 

Dando prova di non comune acume investigativo, spiccato senso del dovere e spirito di abnegazione nonché dedizione al servizio, svolgevano delicata e complessa indagine che consentiva di individuare un pericoloso sodalizio criminale dedito al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, l’attività si estrinsecava in 68 denunce in stato di arresto, 29 in stato di libertà ed un ingente sequestro di stupefacenti”

Province di Frosinone e Napoli, ottobre 2009 – gennaio 2011.

 

Encomio Semplice del  Comandante del Comando Interregionale Carabinieri “Podgora” al

Luogotenente Angelo PIZZOTTI Comandante del Nucleo Operativo Di Frosinone,   Maresciallo Capo Santino MESSORE, Brigadiere Enzo BERLANO, Brigadiere Giuseppe FROÌÌO, Vice Brigadiere Alfonso GRIECO, addetti al Nucleo Operativo di  Frosinone e Appuntato Scelto Elio ROSSIGNOLO, addetto alla Stazione Carabinieri di Pofi:

 

Dando prova di spiccata professionalità ed acume investigativo svolgevano complessa attività di indagine che consentiva di individuare una pericolosa organizzazione criminale dedita alla tratta si esseri umani dalla Romania ed allo sfruttamento della prostituzione minorile. L’attività si concludeva con l’esecuzione di 10 O.C.C.  e l’affidamento ai servizi sociali di otto minorenni sottratte dalle mani degli aguzzini”

  Province di Frosinone e Roma, giugno 2010 – maggio 2011.

 

Encomio Semplice del  Comandante del Comando Interregionale Carabinieri “Podgora” al Capitano Pierfrancesco DI CARLO, Comandante della Compagnia Carabinieri di Pontecorvo, Maresciallo Aiutante Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza Patrizio VELLUCCI, Brigadiere Capo Antonio CAPORUSSO ed Appuntato Scelto Giuseppe DE SANTIS, addetti al Nucleo Radiomobile di Pontecorvo:

 

“Comandante di Compagnia/addetti al Nucleo Operativo distaccata, dando prova di non comune attaccamento al dovere, spirito di abnegazione ed elevate capacità professionali, con alto senso di responsabilità dirigeva personalmente in tutte le sue fasi, in particolare quelle più delicate, complessa attività investigativa che consentiva di disarticolare un sodalizio criminoso responsabile di furti, estorsione, ricettazione e gravi atti intimidatori. L’operazione si concludeva con l’arresto in flagranza di cinque persone, l’esecuzione di 28 ordinanze di custodia cautelare il rinvenimento e sequestro di ingente refurtiva”.

Provincia di Frosinone ed altre località del territorio nazionale: aprile 2009-febbraio 2011;

 

Encomio Semplice del  Comandante del Comando Interregionale Carabinieri “Podgora” al

Maresciallo Aiutante Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza Massimo POLLETTA, Comandante della Stazione Carabinieri di Anagni, Maresciallo Capo Dario POGGIANI e Vice Brigadiere Armando PALMERI, addetti al Nucleo Operativo di Anagni:  

 

“Maresciallo/brigadiere con coraggio, slancio e cosciente sprezzo del pericolo, non esitava, unitamente ad altri militari, ad irrompere all’interno di autovettura ove una giovane donna, in preda ad una crisi depressiva si era rinchiusa, armata di pistola, con chiaro intento suicida, riuscendo, dopo estenuanti tentativi, a bloccarla nell’atto di far fuoco contro se stessa ed a trarla in salvo”.

  Anagni,  5 dicembre 2010

 

Encomio Semplice del  Comandante della Legione Carabinieri “Lazio” al Maresciallo Aiutante Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza Raffaele ESPOSITO, Brigadiere Massimo IANNETTI ed Appuntato Scelto Biagio MANCINI, addetti al Nucleo Operativo e Radiomobile di Cassino:

 

“Evidenziando spiccata professionalità, capacità investigativa e determinazione, svolgevano complessa indagine che consentiva di disarticolare un sodalizio criminale responsabile di traffico e spaccio di sostanze stupefacenti. L’operazione si concludeva con l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di nove persone e di divieto di dimora nei confronti di un’altra, il deferimento in stato di libertà di due complici, nonché la segnalazione al Prefetto di quattro consumatori ed il sequestro di sostanza stupefacente”.

Provincia di Frosinone, gennaio 2009 – marzo 2010

 

Encomio Semplice del  Comandante del Raggruppamento Operativo Speciale concesso al Sottotenente Massimo ESPOSITO,  Comandante del Nucleo Radiomobile di Cassino:

 

“Addetto a sezione Anticrimine del Raggruppamento Operativo Speciale, evidenziando eccezionale impegno, elevatissima professionalità e spiccato acume investigativo, conduceva complessa indagine su efferato sequestro di persona a scopo di estorsione ai danni di imprenditore, ucciso poche ore dopo il rapimento. L’incalzante attività investigativa consentiva la rapida identificazione e l’arresto dei mandanti e degli esecutori materiali del gravissimo fatto delittuoso, tra i quali tre cittadini moldavi, che avevano soppresso la vittima ed occultato il cadavere. L’operazione suscitava l’unanime plauso dell’autorità giudiziaria e della collettività”.

  Villanova di Castenaso (BO) e provincia dell’Emilia Romagna 1 – 22 giugno 2009.

 

Compiacimento del Comandante del Provinciale di Frosinone concesso al Maresciallo Aiutante Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza Pasquale DE GENNARO ed Appuntato Scelto Antonio PAGLIA, rispettivamente  Comandante ed addetto alla Stazione Carabinieri di  Ceccano:

 

“Comandante ed addetto a Stazione distaccata con spiccato acume investigativo e non comune senso del dovere, sviluppavano con continuità e costanza, varie attività di p.g. che portavano all’arresto, in tempi diversi, di 7 soggetti responsabili rispettivamente di rapina, furti in appartamento e spaccio di stupefacenti”.

Ceccano, febbraio 2011 – marzo 2012

 

Compiacimento del Comandante del Provinciale di Frosinone concesso al Maresciallo Aiutante Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza Giuseppe MARINO ed Appuntato Scelto Giancarlo LAURETTI, rispettivamente Comandante ed addetto alla Stazione Carabinieri di Frosinone Scalo:

 

“Addetti  a Stazione distaccata dando prova di non comune attaccamento al dovere, spirito di sacrificio ed acume investigativo espletavano articolata attività di indagine al termine della quale riuscivano ad identificare e trarre in arresto un noto pregiudicato resosi responsabile di rapina in danno di istituto di credito”.

Frosinone, 16 aprile 2012

Compiacimento del Comandante del Provinciale di Frosinone concesso al Maresciallo Capo Giacomo IANNARIO ed  Appuntati Scelti Rocco DELLI COLLI, Giovanni CASTALDO, Raffaele DI RAUSO, rispettivamente Comandante ed addetti alla Stazione Carabinieri di Strangolagalli:

“Comandante ed addetti a Stazione distaccata, a conclusione di intensa e complessa attività d’indagine riuscivano ad identificare e sottoporre a fermo di p.g. 3 soggetti che il 27 dicembre 2011 avevano messo a segno una rapina in danno di persona anziana commessa con minacce e percosse”.

Strangolagalli, 5 maggio 2012

 

.           Compiacimento del Comandante del Provinciale di Frosinone concesso agli Appuntati Scelti Gennaro TARANTO e Giancarlo TESTA, addetti al Nucleo Radiomobile di Sora:

 

“Addetti ad Aliquota Radiomobile di Compagnia distaccata, evidenziando elevata professionalità, generoso altruismo, spiccata determinazione e cosciente sprezzo del pericolo, a seguito di incendio di un’abitazione, senza esitazione rimuovevano la porta d’ingresso ed irrompevano all’interno traendo in salvo l’anziana donna e praticandole le prime cure”.

Sora, 26 gennaio 2012

Compiacimento del Comandante del Provinciale di Frosinone concesso al Luogotenente Marcello COLELLA, Comandante del Nucleo Operativo di Anagni, Maresciallo Aiutante Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza Massimo POLLETTA, Comandante della Stazione Carabinieri di Anagni, Maresciallo Aiutante Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza Raffaele ALBORINO e Maresciallo Capo Ferdinando RUSSO, rispettivamente Comandante ed addetto alla Stazione Carabinieri di Ferentino:

 

“Comandante di NORM di Compagnia distaccata, Comandanti ed addetti a Stazioni distaccate, dando prova di non comune attaccamento al dovere, spirito di sacrificio ed elevate capacità professionali, svolgevano una complessa ed articolata attività d’indagine che consentiva l’arresto di un pregiudicato che, usando come pretesto un colloquio di lavoro, aveva costretto con violenza una giovane a subire atti sessuali. Nel corso di ulteriori e complesse indagini venivano, altresì, raccolti inequivocabili elementi di colpevolezza a carico dello stesso circa altri quattro casi di atti sessuali commessi con lo stesso stratagemma nei confronti di altrettante giovani donne, di cui una minorenne”.

Territorio di Ferentino e Chieti, 12 giugno 2011

 

.           Compiacimento del Comandante del Provinciale di Frosinone concesso al Maresciallo Aiutante Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza Raffaele ALBORINO, Maresciallo Capo Ferdinando RUSSO, Brigadiere Aurelio MORINI, Appuntati Scelti Vincenzo CASTELLONE e Salvatore TERRACCIANO, rispettivamente Comandante ed addetti alla Stazione Carabinieri di Ferentino:

 

“Comandante ed addetti a Stazione distaccata, dando prova di non comune attaccamento al dovere, spirito di sacrificio nonché elevate capacità professionali, svolgevano una complessa attività di indagine che in due distinte operazioni di servizio, consentivano l’arresto di tre persone responsabili di rapina in danno di un’anziana donna del luogo, detenzione illegale di arma da guerra e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, rinvenendo e sequestrando una bomba a mano, e circa 100 gr. di sostanza stupefacente”.

Ferentino, 23 settembre 2011

 

.Compiacimento del Comandante del Provinciale di Frosinone concesso al Vice Brigadiere Vincenzo CELANI ed Appuntato Scelto Giuseppe FERRANTE, addetti al Nucleo Radiomobile di Anagni:

“Capo equipaggio ed autista di NORM di Compagnia distaccata, evidenziando notevole professionalità, sprezzo del pericolo e non comune senso del dovere, riuscivano a bloccare ed a trarre in arresto, dopo violenta colluttazione a seguito della quale riportavano lesioni, un pregiudicato che in preda ad una crisi etilica tentava di colpire con un bisturi un medico all’interno di struttura sanitaria”.

Anagni, 6 aprile 2011

 

Compiacimento del Comandante Provinciale di Frosinone concesso al Maresciallo Aiutante Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza Raffaele DE SOMMA, Maresciallo Capo Pacifico MEOLA ed Appuntato Scelto Marco CALICCHIA, rispettivamente Comandante  ed addetti alla Stazione Carabinieri di Alatri:

 

“Comandante ed addetti a Stazione capoluogo, dando prova di non comune attaccamento al dovere, spirito di sacrificio ed acume investigativo, svolgevano una particolare e complessa attività investigativa che consentiva di trarre in arresto un cittadino di nazionalità nigeriana responsabile di atti sessuali con una minore”.

  Alatri, 22 febbraio 2011

 

Compiacimento del Comandante Provinciale di Frosinone concesso al Maresciallo Aiutante Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza Giovanni FRANZESE e Maresciallo Capo Massimo PARIS, rispettivamente Comandante ed addetti alla Stazione Carabinieri di Veroli:

 

“Comandante ed addetto a Stazione distaccata, dando prova di particolare acume investigativo, senso del dovere e spirito di sacrificio, davano inizio ad una complessa attività info-investigativa che consentiva di procedere all’arresto di un cittadino di nazionalità rumena responsabile di ripetuti atti sessuali in danno della figlia minore”.

  Veroli, 12 ottobre 2011

 

Compiacimento del Comandante Provinciale di Frosinone concesso al Maresciallo Capo  Timoteo D’ARPINO,  Comandante della Stazione Carabinieri di Filettino:

 

“Comandante di Stazione distaccata, dando prova di non comune attaccamento al dovere, spirito di sacrificio e sprezzo del pericolo, a seguito di improvvise ed avverse condizioni meteorologiche, riusciva a porre in salvo due persone sorprese da una tormenta a quota 2.000 metri”.

  Filettino, 7 ottobre 2011

 

.Compiacimento del Comandante Provinciale di Frosinone concesso al  Tenente Sebastiano MAIELI,  Comandante del Nucleo Radiomobile di Pontecorvo, Maresciallo Capo Antonio DI GIOVANNI,  addetto alla Stazione Carabinieri di Pontecorvo e Brigadiere Pasquale SANTORO,  addetto al Nucleo Radiomobile di Pontecorvo:

 

“Comandante ed addetti al NORM di Compagnia e Stazione distaccata, evidenziando spiccate capacità professionali, particolare acume investigativo, elevato senso del dovere e non comune spirito di sacrifico, sviluppavano complessa attività investigativa che consentiva di pervenire all’identificazione di due giovani, di cui uno minore, resisi responsabili di grave atto intimidatorio nei confronti del Comandante della Stazione di Ceprano”.

  Ceprano, Strangolagalli ed Aquino, 24 febbraio 2012

 

Compiacimento del Comandante Provinciale di Frosinone concesso agli Appuntati Scelti Libero DI NARDI e Giuseppe BOLLETTI, addetti all’Aliquota Operativa della Compagnia di Cassino:

 

“Addetti ad Aliquota Radiomobile di Compagnia distaccata, evidenziando elevata professionalità, generoso altruismo e spiccata determinazione riuscivano, dopo estenuanti trattative, a far desistere un giovane con proposito suicida che, in preda a forte stato di agitazione, minacciava di lanciarsi da un cavalcavia.

Cassino, 26 dicembre 2011

 

Compiacimento del Comandante Provinciale di Frosinone concesso al Maresciallo Capo Salvatore PLETTO, Brigadiere Capo Franco ABBALLE, Appuntati Scelti Gianni FIORINI e Gaetano DELLA VOLPE, addetti al Nucleo Investigativo del Comando Provinciale:

 

“Addetti a Nucleo Investigativo di Comando Provinciale, dando prova di non comune attaccamento al dovere, spirito di sacrificio nonché elevate capacità professionali, davano inizio ad una complessa ed articolata attività di indagine che consentiva la cattura di un noto latitante locale colpito da provvedimento di esecuzione di pene concorrenti emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone, dovendo espiare la pena di anni 10, mesi 7 e giorni 19 di reclusione, nonché la multa di € 42.000 perché condannato per rapina, sequestro di persona e ricettazione”.

  Frosinone e provincia, novembre 2011

 

Compiacimento del Comandante Provinciale di Frosinone concesso per l’operato per l’emergenza neve ai Comandi Compagnia dipendenti che verranno ritirati per loro conto dai

Capitani Pietro DI MICCOLI, Adolfo GRIMALDI, Costantino AIROLDI, Pierfrancesco DI CARLO, Antonio CONTENTE, Ciro LAUDONIA, rispettivamente Comandanti delle Compagnie Carabinieri di Frosinone, Cassino, Anagni, Pontecorvo, Alatri e Sora:

 

“In occasione di eccezionale nevicata verificatasi nel mese di febbraio 2012, a seguito della quale l’intera provincia rimaneva completamente isolata, tutto il personale del Reparto, dimostrando straordinario attaccamento al dovere, spirito di sacrificio e non comuni doti umane si prodigava, senza risparmio di energie e per più giorni, in varie operazioni di soccorso alle popolazioni, in particolare persone anziane ed ammalate, donne e bambini rimaste intrappolate all’interno di autovetture  e delle abitazioni isolate, nonché a coadiuvare ininterrottamente il personale dei vari enti impegnati, a loro volta, al ripristino dei servizi di prima necessità quali energia elettrica, acqua, luce e gas. Riuscivano, altresì, con fermezza e determinazione a gestire con equilibrio la situazione dell’ordine pubblico che rischiava di degenerare a causa degli animi esasperati della popolazione sottoposta a particolari disagi da più giorni”.

  Frosinone e provincia, 3 – 9 febbraio 2012

 

.           Compiacimento del Comandante Provinciale di Frosinone concesso all’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo che verrà ritirato per rappresentanza dal Cavaliere Brigadiere Antonio PAPA,  Coordinatore Provinciale dell’Associazione:

 

“Associazioni d’arma da sempre impegnate a promuovere e rafforzare i più alti ideali e le tradizioni dell’Arma dei Carabinieri nonché i vincoli di colleganza fra i militari in congedo ed in servizio, hanno sviluppato numerose ed efficaci iniziative di volontariato volte a contribuire alla civile convivenza ed all’ordinato progresso sociale della provincia, riconosciute quali moderne espressioni di una sensibile coscienza civica collettiva, hanno trovato tangibile riconoscimento da parte delle autorità ed enti locali interessati. Tali attività, svolte sempre con la massima abnegazione, elevata professionalità e generosa solidarietà da parte di tutti i suoi componenti nel campo dell’assistenza, del concorso di sicurezza e della protezione civile, hanno meritato l’unanime incondizionato plauso e l’ammirata riconoscenza, contribuendo ad aumentare il prestigio dell’istituzione”.

 

Operazioni svolte dai militari dipendenti inoltrate superiormente che sono in attesa di ricevere un giusto riconoscimento. Proposta di ricompensa al Capitano Pietro DIMICCOLI, Comandante della Compagnia Carabinieri di Frosinone, Luogotenente Angelo PIZZOTTI, Comandante del Nucleo Radiomobile di Frosinone, Luogotenente Filippo DE PAOLIS,  Comandante della Stazione Carabinieri di Castro dei Volsci,  Maresciallo Aiutante Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza Stefano RUGGERI, Comandante della Stazione Carabinieri di Vallecorsa, Vice Brigadiere Alfonso GRIECO,  addetto all’Aliquota Operativa di Frosinone, Maresciallo Capo Bruno AVITABILE, ed Appuntato Scelto Fabio VENTURA, addetti alla Stazione Carabinieri di Monte San Giovanni Campano:

 

“Poiché a conclusione di intensa e complessa attività d’indagine finalizzata a sgominare un gruppo criminale dedito alla consumazione di rapine a istituti di credito, farmacie ed in villa con sequestri di persona in danno di anziani, traevano in arresto 7 soggetti che avevano messo a segno tre distinte rapine commesse con efferate modalità”.

  Territori di Ceccano, Vallecorsa, Monte San Giovanni Campano, 2 maggio 2012

 

Proposta di ricompensa agli Appuntati Scelti Renato DI CICCO e Maurizio MAROLDA,  addetti al Nucleo Radiomobile di Cassino:

 

“Poiché, dando prova di elevata professionalità, sprezzo del pericolo, lodevole impegno e spiccata propensione all’attività info-investigativa, fornivano costante contributo al conseguimento di significativi risultati operativi, tra cui l’arresto di due pregiudicati responsabili di spaccio di stupefacente ed il sequestro di gr.300 di cocaina, nonché l’arresto di uno squilibrato che aveva tentato di uccidere la ex-convivente con un micidiale ordigno esplosivo che riuscivano a disinnescare”.

Cassino, 26 novembre – 16 dicembre 2011

 

Proposta di ricompensa ai Brigadieri Capo Damiano SCIPPA e Marcello MARIORENZI,  addetti Nucleo Radiomobile di Sora,  che dando prova di non comune attaccamento al dovere, spirito di sacrificio ed abnegazione si prodigavano nel salvataggio di donna caduta accidentalmente in un pozzo, riuscendo a salvarle la vita”.

  Ceprano, 25 dicembre 2011

 

Proposta di ricompensa al Maresciallo Capo Timoteo D’ARPINO e Vice Brigadiere Antonello COLANTONI, rispettivamente Comandante ed addetto alla Stazione Carabinieri di Filettino che, evidenziando generoso altruismo, spiccata iniziata ed altro senso del dovere, conducevano le operazioni di salvataggio di 13 sciatori, di cui 5 minorenni che, a causa delle forti raffiche di vento, rischiavano di cadere in un precipizio profondo circa settanta metri, riuscendo a trarli in salvo.

  Filettino, 10 marzo 2012

 

Proposta di ricompensa al Maresciallo Capo Ferdinando RUSSO, addetto alla stazione Carabinieri di Ferentino,  spinto da coraggio, determinazione ed altissimo senso del dovere, non esitava, unitamente a personale di altro corpo dello stato, ad entrare all’interno di una palazzina ormai satura di gas, ad evacuarla ed a portare all’esterno due pesanti bombole di gas lasciate aperte da un residente nel tentativo  di innescare una violenta esplosione. Le indagini, inoltre, immediatamente avviate dallo stesso, consentivano di individuare l’autore del folle gesto e di trarlo in arresto per tentata strage.

  Ferentino, 4 gennaio 2012.

 

Proposta di ricompensa al Tenente Colonnello Fernando MAISTO, Comandante del Reparto Operativo di Frosinone, Capitano Pietro CAPRIO, Comandante del Nucleo Investigativo di Frosinone, ai Marescialli Aiutanti Sostituti Ufficiali di Pubblica Sicurezza Salvatore STRUSCIOLO e Vincenzo ELIA, al Maresciallo Capo Roberto BENINI ed all’Appuntato Scelto Pio CAPONERA, addetti al Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Frosinone, che dando prova di non comune attaccamento al dovere, spirito di sacrificio nonché elevate capacità professionali, svolgevano una particolare e complessa attività investigativa che consentiva l’individuazione e la disarticolazione di una associazione per delinquere costituita da pubblici ufficiali, amministratori pubblici e titolari di società specializzate e cooperative sociali e finalizzata alla turbata libertà degli incanti, concussione, corruzione, falsità ideologica commessa da Pubblici ufficiali in atti pubblici facendo aggiudicare, in maniera illecita a ditte loro compiacenti, appalti per lavori pubblici di svariati milioni di euro nel settore della sicurezza urbana, ricevendo quale illecito compenso cospicue somme di denaro. l’operazione si concludeva con l’arresto di nr. 8 persone”

  Frosinone, marzo – dicembre 2011

 

Proposta di ricompensa al Maresciallo Capo Antonio DE CRESCENZO e Maresciallo Capo Dario POGGIANI, addetti all’Aliquota Operativa della Compagnia di Anagni che dando prova di spiccata professionalità, incisivo acume investigativo ed elevato senso del dovere, prendeva parte a prolungata e complessa indagine che consentiva di identificare gli autori di un attentato dinamitardo che aveva fortemente scosso l’opinione pubblica, responsabili anche di un tentativo di estorsione nei confronti di una donna del luogo. l’intera attività consentiva di trarre in arresto 8 soggetti e di sequestrare 6 kg. di esplosivo, un fucile a canne mozze, munizionamento di vario calibro ed oltre 120 gr. di marijuana”

  Anagni, Ferentino e Boville, ottobre 2009- aprile 2011

 

Proposta di ricompensa al Maresciallo Aiutante Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza Gabriele TERSIGNI,  Comandante della Stazione Carabinieri di Fontana Liri, al Brigadiere Giancarlo GATTA ed all’Appuntato Stefano FUSCO, addetti al Nucleo Radiomobile di Sora che evidenziando generoso altruismo, spiccata iniziativa e alto senso del dovere, partecipavano alle operazioni di salvataggio di una giovane donna che, in stato confusionale, si era gettata nelle acque gelide e vorticose di un fiume con propositi suicidi, non esitando ad immergersi nelle stesse e riuscendo, non senza difficoltà, a trarla in salvo”.

  Sora, 5 maggio 2011

 

Proposta di ricompensa al Vice Brigadiere Antonio MORICONI ed all’Appuntato Scelto Giovanni PIZZUTILO, addetti al NORM della Compagnia di alatri che evidenziando generoso altruismo, spiccata iniziativa ed alto senso del dovere, riuscivano a disarmare un giovani che impugnando un coltello a serramanico, tentava di uccidere il proprio genitore, traendolo in arresto”.

  Alatri, 1° febbraio 2012

 

Proposta di ricompensa proposta  al Brigadiere Antonio FABRIZI ed all’Appuntato Scelto Ciro SCARANO,  addetti al NORM della Compagnia di Alatri che evidenziando generoso altruismo, spiccata iniziativa ed alto senso del dovere, liberavano un anziano signore che, imbavagliato e legato ad una sedia all’interno della propria abitazione, era in balia di due malfattori in cerca di denaro e gioielli, riuscendo a trarlo in salvo ed arrestare i malviventi”.

  Alatri , 1° febbraio 2012

 

Proposta di ricompensa proposta ai Brigadieri Enzo BERLANO e Mario VALERIANI, addetti al Nucleo Operativo della Compagnia di Frosinone, Appuntati Scelti Pietro MICCO e Mario CRISTOFANILLI, addetti alla Stazione di Frosinone che nel corso di servizio finalizzato al contrasto dei reati predatori intercettavano nei pressi di una gioielleria tre uomini ed una donna in atteggiamento prossimo alla consumazione di una rapina. I malviventi datisi alla fuga venivano bloccati dopo un breve inseguimento a bordo di autovettura al cui interno veniva rinvenuto un borsone contenente una pistola con matricola abrasa e relativo munizionamento, fasce stringicavo per immobilizzare le vittime e un giaccone con cappuccio”.

  Frosinone, 28 marzo 2012.

 

Verranno ora premiati i vincitori del concorso di scrittura, organizzato di concerto all’Ufficio Scolastico Provinciale di Frosinone e riservato a grandi e piccoli studenti della provincia, avente come tema “la cultura della legalità” e collegato al progetto “Cittadino sicuro ed informato”, fortemente voluto per fornire un contributo alla formazione della cultura della sicurezza, al fine di migliorare ulteriormente il rapporto di fiducia tra la collettività, l’Arma dei Carabinieri e le altre Istituzioni, soprattutto con l’obiettivo di contrastare in maniera ancora più efficace ogni forma di criminalità.

 

Studenti:

 

ALONZI Francesco e ALONZI Edoardo Oren (Scuola Secondaria 1° Grado “Edoardo Facchini” di Sora),  CIPPITELLI Ginevra, MIZZONI Claudia, ROTONDI Giulia, PERELLI Alice e CARNEVALE Giulia (Istituto comprensivo di Boville Ernica), DE ANGELIS Giuliano (Istituto Comprensivo di Ceprano), CALICCHIA Federica, GIROLAMI Serena, MINNA Claudia e SARTONO Anna (Istituto Tecnico Economico di Ceccano), CAMPOLI Arianna, COSTANTINI Sara, D’ARPINO Elisa, DI FEDE Michela, FRATARCANGELI Silvia, MAINI Maria, RUSSO Raffaella e VALERI Silvia (Istituto d’Istruzione Superiore “Luigi Angeloni” di Frosinone).

 

 

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net.