VEROLI – Comune istituisce Unità di Crisi per monitorare l’erogazione idrica a Veroli e Boville

Dal responsabile dell’uffio stampa del comune di Veroli riceviamo e pubblichiamo quanto segue: E’ stata istituita una Unità di Crisi per monitorare costantemente la situazione dell’erogazione idrica sui territori di Veroli e Boville Ernica. Il vertice avutosi mercoledì scorso tra il Prefetto di Frosinone, rappresentato dal vice Prefetto Dr.ssa Anna Infante, i sindaci dei Comuni, Prof. Giuseppe Donorio e Dott. Piero Fabrizi, si è concluso con l’ impegno dei responsabili di Acea ATO 5 spa di dare risposte immediate sull’ emergenza idrica registratasi in quest’ultimo periodo a Veroli e Boville Ernica. “Abbiamo rappresentato al Prefetto – dicono i primi cittadini D’Onorio e Fabrizi – le nostre difficoltà ad avere risposte alle molteplici istanze inoltrate al gestore idrico. Come massime Istituzioni territoriali non possiamo tollerare la totale mancanza di dialogo con la Società che gestisce il servizio idrico perché non è questa la strada per cercare di risolvere problematiche che investono centinaia di famiglie costrette a stare senz’acqua potabile per diversi giorni in questo periodo particolarmente caldo”. La situazione sta diventando infatti insopportabile e la richiesta degli Amministratori all’ACEA è stata netta: si richiede uno sforzo maggiore e costante al fine di garantire un servizio adeguato sui territori. “I Comuni di Veroli e Boville Ernica – anticipano i sindaci D’Onorio e Fabrizi – istituiranno a breve, all’interno delle proprie strutture comunali, un punto di emergenza per ricevere dai cittadini segnalazioni per poi rimetterle quotidianamente all’ACEA. Non possiamo lasciare i nostri cittadini soli. E’ nostro dovere, per quanto di competenza, monitorare costantemente l’emergenza e sollecitare interventi risolutivi”. Per sensibilizzare ulteriormente la cittadinanza a collaborare, il Comune di Veroli e di Boville Ernica hanno emesso anche un’ordinanza con la quale vieta a tutti gli utenti di innaffiare e di fare un uso improprio dell’ acqua potabile da quello prettamente domestico. I trasgressori subiranno l’ immediato distacco dell’erogazione idrica con relativa sanzione e segnalazione all’Autorità giudiziaria. Finalmente buone notizie sul fronte erogazione acqua potabile per i due centri ciociari, finalmente i sindaci, un plauso a loro, stavolta fanno sul serio perchè tutti coloro che trasgrediranno alle direttive rimarranno senza il prezioso liquido e rischieranno pesanti sanzioni. Sarebbe anche opportuno che tutti i cittadini onesti vigilino pèerchè è ora e suonata di evitare sprechi per innaffiare i propri orti e lavare le macchine. L’acqua serve per bere e per uso solo domestico, ne va della salute di tutti se verrebbe a mancare!
Gianni Federico

Menu