mercoledì 15 luglio 2015

Una vergogna ciociara finita (purtroppo) su giornali e siti di tutta Italia

Lasciano un’anziana congiunta 85enne in auto sotto il sole, con i finestrini chiusi, e se ne vanno al mare. È semplicemente pazzesco quanto accaduto lo scorso weekend a Terracina, ma soprattutto testimonia un fatto assai vergognoso: siamo ben oltre la frutta per quel che concerne i sentimenti e la sensibilità umana.

Secondo quanto riportato (purtroppo) praticamente su tutti i quotidiani cartacei e on-line d’Italia (che figura!) gli sconsiderati nostri conterranei protagonisti dell’accaduto sono stati denunciati dalla Polizia di Stato per «maltrattamento in famiglia aggravato» (fonte corriere.it).

La vecchina è stata notata nell’abitacolo dell’auto da un passante, che ha avvertito subito nel forze dell’ordine. Le portiere dell’auto erano aperte, ma forse l’anziana donna, devastata dal caldo insopportabile, non aveva neanche più la forza di aprirle.

Una volta arrivati sul posto, insieme agli operatori del 118 che hanno soccorso la poveretta, gli agenti hanno svolto le verifiche di rito per sapere a chi fosse intestato del veicolo, riscontrando che apparteneva alla figlia dell’anziana. «Solo nel tardo pomeriggio – conclude il Corriere – è stato possibile identificare i familiari della donna, fra cui la figlia, mentre si avvicinavano all’autovettura. Nei loro confronti è scattata la denuncia per il reato di maltrattamento in famiglia aggravato».

PUBBLIREDAZIONALE - Una scelta così vasta non si è mai vista! Lucio Macci e Lorenzo Volpone spiegano tutti i dettagli di questa nuova magnifica iniziativa firmata Gruppo Jolly Automobili.

PUBBLIREDAZIONALE - La Dott.ssa Claudia Malerba, specialista in Ginecologia del CE.RI.M. di Sora, spiega l'iter da seguire per vivere serenamente questo magnifico periodo.

Ti potrebbe interessare
Come modificare le campagne pubblicitarie su Facebook dopo l'upgrade dell'algoritmo

Facebook - Vi ricordate i bei tempi, quelli in cui, a fronte di un investimento pari a un centinaio di euro, si ...