18 ottobre 2013 redazione@ciociaria24.net

Si fingeva appartenente alle forze dell’Ordine e costringeva donne a prestazioni sessuali: arrestato dalla Squadra Mobile di Frosinone

Questa mattina gli agenti della Squadra Mobile di Frosinone hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un quarantatreenne campano perché ritenuto responsabile di rapina, estorsione e violenza sessuale. L’uomo aveva messo a punto un diabolico piano per commettere i reati: utilizzando un cellulare intestato ad un ignaro utente contattava le sue vittime tutte donne e dedite alla prostituzione.

Spacciandosi per un appartenente alle Forze dell’Ordine, dopo il contatto telefonico, raggiungeva le donne presso le loro abitazioni. Lì con abile maestria e teatralità, presentandosi in divisa, dichiarava di essere un Ufficiale della Marina Civile incaricato di contestare un illecito, di fatto mai commesso dalla vittima, e pronto a chiamare rinforzi per procedere all’arresto. Dopo aver provocato un forte stato di ansia alle donne, facendo leva sul loro senso di paura, le induceva a farsi consegnare ingenti somme di denaro e le contringeva ad irrituali prestazioni sessuali.

Raggiunto lo scopo il falso Ufficiale si allontanava promettendo protezione ed immunità dai controlli. Questa volta però l’uomo è incappato nei poliziotti che, dopo una meticolosa indagine scaturita a seguito di due episodi analoghi avvenuti a Frosinone a settembre 2012, sono riusciti ad individuare il truffatore ed a trarlo in arresto.

Menu