Sequestrato autolavaggio a Frosinone

Le acque di scarico si immettevano in un fosso-cunetta sottostante senza la necessaria depurazione. Questo il motivo per cui la Forestale di Frosinone ha sequestrato un impianto di autolavaggio nel capoluogo ciociaro. Il titolare dell’esercizio è stato denunciato.

I controlli svolti dagli agenti hanno permesso di riscontrare che il titolare era sprovvisto dell’autorizzazione allo scarico delle acque reflue industriali prodotte nel ciclo di esercizio del lavaggio e lo hanno denunciato, sequestrando preventivamente lo scarico.

Purtroppo non è la prima volta che accade un fatto del genere nella nostra provincia. Gli impianti di autolavaggio, spiega la Forestale, risultano troppo spesso privi dell’autorizzazione allo scarico dei reflui e di un idoneo sistema di depurazione che, si vuole ricordare, sono condizioni imprescindibili affinché tali attività commerciali possano essere esercitate regolarmente.

Menu