martedì 27 marzo 2012

Sanità: Abbruzzese dona auto del Consiglio Regionale a Cad-Asl di Aquino

Il gesto che oggi il Consiglio regionale del Lazio compie donando questa vettura è un piccolo segno di attenzione verso una struttura sanitaria operativa e che assolve ad un compito sociale di fondamentale importanza come l’assistenza domiciliare a persone non autonome o che soffrono di malattie croniche”.

Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese, Presidente del Consiglio regionale del Lazio che questa mattina ha preso parte alla cerimonia di consegna di una Lancia Lybra, dismessa dal parco auto della Pisana e donata al Centro Anziani e Disabilità della Asl di Aquino (FR).

Vorrei rassicurare tutti gli operatori e i cittadini – ha continuato Abbruzzese – sul grande impegno che la Regione sta riservando alla medicina territoriale, alla riorganizzazione delle cure primarie, al potenziamento dell’assistenza domiciliare. Oltre al fatto che si sta investendo molto per riorganizzare sedi ospedaliere in grado di erogare servizi d’eccellenza, come ad esempio il ‘Pasquale Del Prete’ di Pontecorvo, che a breve verrà trasformato in ospedale territoriale grazie ad un accordo tra Asl e Medici di Medicina Generale. Questi saranno i pilastri su cui poggerà la sanità del LazioIl governo Polverini sta lavorando molto per ridurre gli sprechi e lo sta facendo nell’esclusivo interesse degli operatori e dei cittadini del Lazio. Questa nuova architettura gestionale – ha concluso Abbruzzese – restituirà ai territori servizi sanitari efficienti e permetterà di realizzare un’integrazione ospedale-territorio, con un deciso abbattimento delle liste di attesa e della mobilità passiva”.

Alla cerimonia di consegna dell’auto, oltre al presidente Abbruzzese, hanno preso parte il Consigliere Regionale Anna Maria Tedeschi, il Direttore generale della Asl di Frosinone, Carlo Mirabella, il Direttore del Distretto D della Asl, Giovanni Lullo e il Sindaco di Aquino, Antonino Grincia.

Luciano De Leo

PUBBLIREDAZIONALE - Un lavoro costante ed equilibrato svolto per un periodo compreso tra le sei e le otto settimane è in genere ideale per poter recuperare le facoltà motorie e reimpossessarsi della propria quotidianità.