CONTATTA LA NOSTRA REDAZIONE
lunedì 30 gennaio 2017 redazione@ciociaria24.net

Frosinone: Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil annunciano sciopero presso presidi ospedalieri

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa a firma delle seguenti rappresentanze sindacali di Frosinone: Fim Cisl – Fiom Cgil – Uilm Uil.

«La Regione per la seconda volta fa retromarcia… Ma stavolta, per mano del Commissario Straordinario della Asl di Frosinone, travolge in pieno tutti gli addetti alle attività di manutenzione e conduzione degli impianti elettrici, idraulici e termici di tutti gli Ospedali della nostra provincia! Circa 100 lavoratori della nostra provincia da più di 20 anni operano accanto a medici ed infermieri presso tutti i presi ospedalieri della Asl di Frosinone.

Il loro operato “invisibile” ad oggi ha permesso di svolgere tranquillamente tutte le attività sanitarie intervenendo tempestivamente ogni qualvolta si sono verificati problemi tecnici agli impianti senza creare disservizi e garantendo sempre le condizioni ai sanitari di per poter operare ed offrire i servizi richiesti dai cittadini.

Oggi vedono a rischio il loro posto di lavoro in quanto la Manutencoop (azienda subentrante ) non si è resa disponibile a salvaguardare la prosecuzione e le condizioni contrattuali dei rapporti di lavoro. Nonostante ciò il 24 gennaio 2017, con Atto Deliberativo n.120 contrariamente a quanto affermato in tutti i precedenti incontri , il Commissario Straordinario Dott. Luigi Marchitella, ha firmato l’ autorizzazione al sub entro della Manutencoop. Per salvaguardare l’occupazione di tutti, i lavoratori occupati presso tutti i Presidi Ospedalieri della nostra provincia confermano di: SCIOPERARE a partire dal turno notturno che inizia alle ore 22 di giovedì 2 febbraio fino alla conclusione del turno notturno successivo che termina alle 22 di venerdì 3 febbraio 2017».

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
Menu