Pubblicità
giovedì 15 marzo 2012

Riscuoteva la pensione della madre defunta da otto anni. Denunciato dalla Guardia di Finanza

I finanzieri della Compagnia Guardia di Finanza di Frosinone, su input del Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie della Guardia di Finanza, ha individuato un 67enne di Frosinone che, dopo la morte della madre, avvenuta nel novembre 2004, ha continuato a riscuoterne la pensione ricevendone l’accredito nel conto corrente bancario intestato alla defunta, dal quale, successivamente, prelevava le somme attraverso il bancomat o mediante l’emissione di assegni, recanti firme false che provvedeva a “cambiare” direttamente allo sportello bancario.

Le indagini si inseriscono in un più ampio contesto investigativo che ha visto Reparti speciali e territoriali della Guardia di Finanza operare sinergicamente, incrociando i dati dell’Anagrafe Tributaria e dell’Indice Nazionale delle Anagrafi, proprio al fine di individuare soggetti percettori di pensioni pur in presenza di un avvenuto decesso. Successivamente si è provveduto, in collaborazione con l’INPDAP, a determinare le somme illecitamente percepite ed al sequestro del conto corrente utilizzato.

Il soggetto ciociaro è stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria per i reati di truffa ai danni dello Stato e falso, in quanto per anni, sostituendosi alla madre defunta, ha messo in atto condotte truffaldine, consistenti in false comunicazioni e/o attestazioni inviate all’INPDAP ed alla banca ove veniva accreditata la pensione, riuscendo così a percepire indebitamente una somma complessiva pari a circa 90.000 euro.

Guardia di Finanza – Comando Provinciale di Frosinone

PUBBLIREDAZIONALE - Impossibile resistere alle offerte dell'estate Peugeot.