12 febbraio 2012 redazione@ciociaria24.net

Isola del Liri – Arpino: degrado rifiuti solidi urbani

Due dei quartieri più centrali, precisamente quartiere Arco e quartiere Colle, abbandonati a loro stessi. Se non fosse per gli abitanti dei quartieri Arco e Colle che da soli hanno provveduto a pulirsi le loro strade da neve e ghiaccio nessuno e dico nessuno se ne è e se ne sarebbe occupato.

Cittadini indignati verso un’Amministrazione comunale assente o meglio fantasma. Quartieri popolati da bambini e persone anziane ma nessuno ha avuto riguardo per loro, come se non appartenessero al paese. Lasciati in condizioni sia per quanto riguarda le condizioni di ghiaccio e neve per le strade, ma soprattutto per le condizioni igieniche in cui versano le strade in questi giorni.

La ditta dei rifiuti sta regolarmente lavorando per il resto del paese, ma per quanto riguarda quartiere Arco ed il Colle: il nulla! Spezzatura buttata ovunque, secchioni sommersi da montagne di rifiuti di ogni genere oltre al ghiaccio ed alla neve accumulatasi in questi giorni. E’ inaccettabile pensare che ad Arpino esistono cittadini di serie A e di serie B. Basta con questo comportamento d’indifferenza verso quelle persone che non hanno colpe se ad amministrare c’è gente che pensa solamente alla piazza dimenticando tutti gli altri quartieri e le altre zone periferiche di Arpino, gente che lavora solo in comodità lasciando le scomodità agli altri.

Capisco che in un paese come Arpino, non abituato e non attrezzato a queste calamità, possa essere difficile muoversi, ma bisogna reagire e darsi da fare per migliorare e lavorare in modo solidale non solo con facili ORDINANZE, ma anche e soprattutto con fatti!

I cassonetti sono stracolmi e ci sono cumuli di immondizia per le strade ed affianco ai cassonetti, senza che nessuno se ne curi o preoccupi ed i cani stanno spargendo l’immondizia per le strade del paese, mi dispiace che l’amministrazione, nonostante sollecitata, non si sia mossa ma ha pensato solo a fare ordinanze a quei poveri cittadini che devono preoccuparsi se dai propri tetti, senza averne colpa, stanno cadendo cumuli di neve e ghiaccio.

Comunicato dell’Assessore Prof. Ing. Gianluca Quadrini

Menu