10 novembre 2012 redazione@ciociaria24.net

Province contro i tagli minacciano di spegnere i termosifoni delle scuole. Governo: “Fuori dalla realtà”

ROMA (Reuters) – La minaccia del presidente dell’Unione delle province italiane, Antonio Saitta, di interrompere il riscaldamento nelle scuole in risposta al taglio di 500 milioni di trasferimenti del governo è “fuori dalla realtà”. Lo ha detto oggi Palazzo Chigi in una nota, secondo cui il riordino delle province e il conseguente risparmio di almeno 500 milioni di euro all’anno hanno l’obiettivo di migliorare l’efficienza delle amministrazioni, non di ridurre i servizi.”Demonizzare questa linea, come autorevoli rappresentanti di enti locali o associazioni di categoria stanno facendo in queste ore, non serve a nessuno”, dice la nota. “Ventilare l’idea di spegnere i riscaldamenti nelle scuole o proporre vacanze più lunghe agli studenti per ipotetici risparmi appare una proposta fuori dalla realtà”.

 

Menu