Preso l’aggressore di Frosinone-Lecce: è un 41enne del capoluogo

I carabinieri della Compagnia di Frosinone, congiuntamente a quelli del Reparto Operativo del Comando Provinciale, ai militari della Compagnia di Cassino e a personale della DIGOS della Questura di Frosinone, a conclusione di una mirata attività info-investigativa, hanno tratto in arresto in flagranza di reato differita, un 41enne frusinate già censito, per “lesioni personali gravissime”.

Lo stesso, durante l’incontro di calcio Frosinone – Lecce, disputato il 7 giugno scorso, al culmine di un diverbio scaturito per futili motivi, nel tunnel della curva nord ha colpito con un violento pugno al volto un 45enne di Alatri. Il malcapitato immediatamente soccorso dai sanitari presenti allo Stadio è stato trasportato presso l’Ospedale Civile Spaziani di Frosinone, da dove nel corso della serata è stato trasferito al Policlinico Umberto I di Roma, ove è ancora ricoverato in stato di coma in prognosi riservata.

L’arrestato al termine delle formalità di rito, è stato posto agli arresti domiciliari. A carico del medesimo è stato altresì avviato la procedura amministrativa per l’applicazione del DASPO. L’immediata risposta delle Forze dell’Ordine, che operando ancora una volta in perfetta sinergia hanno dato un nome e un volto a chi con inaudita violenza ha tentato di rovinare un giorno di festa per la città di Frosinone.

Menu