Più di 41mila richieste a Google di cancellazione del link dopo una settimana dal riconoscimento del diritto all’oblio

Fonti vicine alla compagnia americana Google hanno riferito al Financial Times di avere ricevuto dai cittadini europei più di 41mila richieste di rimozione di link a loro riferiti, dopo che l’azienda ha reso disponibile venerdì scorso un modulo da compilare online per inoltrare le richieste. Solo nel primo giorno l’azienda di Mountain View ha ricevuto 12mila richieste di cancellazione di link. Il meccanismo di richieste online è stato introdotto da Google dopo la sentenza della Corte Europea del 13 maggio, relativa al caso di un cittadino spagnolo, in cui ha riconosciuto il diritto all’oblio e alla rimozione di link giudicati “inadeguati o irrilevanti”. Delle 41mila richieste, una parte consistente arriverebbe da cittadini della Germania e del Regno Unito. Tra queste, ci sarebbe anche quella di un uomo che in passato ha cercato di uccidere la sua famiglia e chiede che il link relativo alla notizia e agli articoli venga rimosso. Sempre secondo il quotidiano, i primi link saranno rimossi dal web a partire dalla metà di giugno. Ancora una volta rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è la prova che Internet è uno degli elementi più invasivi della sfera di riservatezza dei cittadini.

Menu