giovedì 1 settembre 2016 redazione@frosinone24.com

Nuovo look per l’Accademia di Belle Arti di Frosinone. Iscrizioni in aumento

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato a firma dell Ufficio Stampa Agnes Comunicazione.

«Una delle location più belle e prestigiose d’Italia, un polo culturale a livello internazionale. Palazzo Tiravanti di Frosinone è alle prese con l’ultimo restyling per presentarsi in splendida forma all’inizio del nuovo anno accademico. Fondata nel novembre del 1973, l’Accademia di Belle Arti di Frosinone ha sede dallo scorso anno nel palazzo Pietro Tiravanti, dove si trova anche il MACA (Museo dell’Arte Contemporanea dell’Accademia), ed è un centro in continua espansione, impegnato a sviluppare il potenziale creativo dei giovani allievi con corsi di livello universitario volti alla ricerca di espressioni artistiche contemporanee, in linea con gli strumenti usuali del sapere ma molto attenta anche alle nuove tecnologie.

Sono partiti a fine agosto e dureranno poche settimane gli ultimi lavori di ristrutturazione del Palazzo costruito alla fine degli anni ’20. Gli interventi riguardano la messa in sicurezza degli impianti e il nuovo sistema antincendio.

“Dirigo l’Accademia da quattro anni e vi insegno dal 1973, quando è stata fondata – spiega Luigi Fiorletta -. Per 42 anni ci siamo spostati in diversi edifici della città e nel frattempo le iscrizioni aumentavano. Negli ultimi sei anni c’è stato un aumento considerevole di studenti e finalmente due anni fa ci è stato assegnato dall’amministrazione comunale il Palazzo Tiravanti come sede ufficiale, una conquista che rende orgogliosa tutta la città. Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ci ha concesso 1.300.000 euro per i lavori di adeguamento interno dello stabile che in queste settimane saranno portati a termine”. Il direttore dell’Accademia ha spiegato che si tratta di uno dei primi palazzi in Italia realizzato totalmente in cemento armato, quindi già antisismico. Una struttura imponente, luminosissima, con ampi spazi a disposizione degli studenti, in grado di contenere in un’unica sede tutti i corsi.

Tra l’altro è l’unica Accademia in Italia ad avere al suo interno un museo di Arte contemporanea, che esiste grazie alle donazioni di artisti che negli anni vi sono passati, tanto da poter essere definita “una collezione in progress”. Gli studenti si confrontano quotidianamente con l’arte contemporanea. Il museo è strutturato su due piani, a cui si aggiunge il piano terra che ospita opere temporanee, come la grande mostra sulla pop art dello scorso anno.

Il museo si visita gratuitamente ed è aperto alla città, così come coinvolgono tutti i cittadini “I Giovedì dell’Accademia”, cicli di conferenze su arte, cinema e cultura con relatori e ospiti di prestigio. Una serie di incontri, quest’anno alla quinta edizione, che va da febbraio a giugno ed è diventato un appuntamento atteso non solo dalla città di Frosinone.

Per quanto riguarda la didattica, accanto ai cinque corsi istituzionali tradizionali di Pittura, Scultura, Decorazione, Scenografia e Grafica d’Arte, sono nati i corsi sperimentali di Media Art, Fashion Design (il secondo inaugurato in Italia) e Graphic Design. Tra le eccellenze, il corso di Fashion Design che permette di stipulare convenzioni e tirocini professionali con le aziende tessili del territorio. Gli allievi possono presentare le loro creazioni nelle più importanti occasioni espositive del settore, prima tra tutte AltaRomaAltaModa.

Al centro del progetto dell’Accademia di Belle Arti c’è il processo di internazionalizzazione iniziato nel 2007, anno in cui è diventata detentrice di una carta Erasmus allacciando relazioni di cooperazione con numerosi partner (Belgio, Francia, Germania, Grecia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Spagna, Slovacchia, Turchia) basati sul continuo scambio di studenti, di docenti e di membri dello staff che arricchisce la formazione degli allievi.

Oggi tra gli iscritti ci sono studenti che arrivano da Cina, Iran, Grecia, Spagna, Cipro, Repubblica Ceca e l’Accademia ha intrapreso rapporti con le ambasciate presenti a Roma per far conoscere ancor meglio questa realtà all’estero. Ora è tempo di nuove iscrizioni e tra le ultime novità c’è l’attivazione del corso di primo livello di Arte Sacra, mentre per quello di Food Design si attende a breve l’ok del Ministero».

Per maggiori informazioni: www.accademiabellearti.fr.it

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA