venerdì 9 ottobre 2015

Nuovi sviluppi nella vicenda dei furti griffati a Frosinone. Altri capi ritrovati dalla Polizia

Continua l’indagine della Squadra Mobile di Frosinone sul caso dei vestiti firmati. Dopo i due arresti dei 40enni di origine tunisina e serba sono state effettuate perquisizioni nelle abitazioni degli autori del furto. Queste ultime hanno riportato alla luce parte di altri “bottini” a casa del tunisino.

Adesso si cerca di risalire provenienza della refurtiva verificando correlazioni con altri furti. Nel pomeriggio odierno i due arrestati sono comparsi davanti all’Autorità Giudiziaria per rispondere dei reati di furto con destrezza e ricettazione, il Giudice ha convalidato l’arresto disponendone la detenzione domiciliare in attesa del processo.