sabato 3 gennaio 2015

Neve e ghiaccio in Provincia di Frosinone: ecco dov’erano finiti i soldi per il sale!

In un comunicato ufficiale emesso il 31 Dicembre, giorno seguente alla copiosa nevicata che ha messo in difficoltà soprattutto le zone del Sorano e della Valle di Comino, Palazzo Iacobucci ha dichiarato: «La Provincia di Frosinone, pur in uno stato di forte difficoltà causa la carenza di risorse finanziarie, sta intervenendo nei tratti di sua competenza, in tutti i siti di maggior rilievo dando priorità a Strade Regionali e ex Statali, Superstrade e strade di particolare importanza per volume di traffico e di accesso ai centri abitati principali».

Il 2 gennaio, però, il sindaco di Aquino, Libero Mazzaroppi ha spiazzato tutti dichiarando a “Il Messaggero”: «C’è amarezza per la mancanza di aiuti da parte dell’ente provinciale.» Tirando le somme, è sembrato di assistere al solito scaricabarile tra istituzioni.

A fare chiarezza, tuttavia, ha pensato stamane Pierfederico Pernarella. Il suo resoconto sugli impegni finanziari della Provincia di Frosinone, difatti, è a dir poco eloquente. I circa 45 milioni di euro di spese effettuate da Palazzo Iacobucci, secondo la penna de Il Quotidiano Ciociaria, sono così ripartiti:

  • Personale (21,5 milioni di euro per circa 600 dipendenti)
  • Mutui (9 milioni di euro)
  • Organi istituzionali (390 mila euro)
  • Amministrazione generale (4 milioni di euro)
  • Istruzione (5,7 milioni di euro)
  • Tutela ambientale (744 mila euro)
  • Assistenza all’infanzia abbandonata (36 mila euro)
  • Viabilità (2 milioni di euro)

Alle cifre appena elencate bisogna aggiungere 10 milioni di euro che rappresentano somme vincolate, «rispetto alle quali le funzioni della Provincia sono soltanto di passaggio». Passando alle entrate viene il bello: secondo quanto riportato nell’articolo di Pernarella, la Provincia di Frosinone incassa 31 milioni di euro all’anno in tasse su veicoli, tra imposta Rc auto ed imposta trascrizioni. La parola veicolo fa venire subito in mente un altro termine: viabilità.

Ebbene, quanti di questi soldini vengono reinvestiti sulle nostre strade? 2 milioni, ossia neanche un decimo. Del resto, se circa 26 milioni del budget, come scrive Pernarella, servono per mantenere personale ed amministratori, resta assai complicato trovare i soldi necessari per svolgere adeguati e soprattutto frequenti lavori di manutenzione sulle nostre strade.

Ecco spiegato, quindi, per quale motivo non si contano le strade provinciali ridotte oltre i minimi termini, ma soprattutto ecco dov’erano finiti i soldi per il sale da spargere sulle nostre strade prima che la nevicata del 30 dicembre riducesse la rete stradale provinciale ad un’enorme pista di pattinaggio…