venerdì 23 marzo 2012

Movimento Civico Frosinone Libera: “La crescita degli standard di vivibilità di una città dipende da un migliore rispetto dell’ambiente e da un ciclo di rifiuti efficace e ben organizzato”

“La crescita degli standard di vivibilità di una città dipende da un migliore rispetto dell’ambiente e da un ciclo di rifiuti efficace e ben organizzato”. E’ quanto afferma Graziano Mangialento, esponente del Movimento Civico Frosinone Libera che, alle prossime elezioni al Comune di Frosinone, sosterrà il candidato a sindaco Nicola Ottaviani.

“Troppo spesso a Frosinone, girando per le strade, notiamo cassonetti strapieni, con buste dell’immondizia che sovente vengono abbandonate al di fuori degli spazi adibiti alla raccolta. Questo fenomeno di incuria è stato purtroppo incentivato da una raccolta differenziata, soprattutto quella porta a porta, che mai è decollata e che non ha portato i benefici sperati e auspicati. Come Movimento – continua Mangialento – abbiamo pensato a una soluzione, condivisa con il nostro candidato a sindaco Nicola Ottaviani, che cerchi di creare un ciclo virtuoso fin dall’origine con l’uso di cassonetti per la raccolta di nuova generazione. Si tratta, in buona sostanza, di macchine interrate per il conferimento dei rifiuti differenziati in unica postazione, soluzione ideale, ad esempio, per i centri storici, dove occorre integrare perfettamente lo stile e ridurre al minimo ingombro i contenitori di raccolta dei rifiuti. La colonna di conferimento opportunamente disegnata, diventerà un complemento di arredo. La grande capacità (l’equivalente di circa 25 cassonetti stradali tradizionali) permette di ridurre gli interventi di svuotamento non sempre agevoli nei centri storici. I contenitori possono essere svuotati dai camion in uso per i cassonetti stradali e sono tutti disponibili contemporaneamente al piano stradale in 1 minuto circa”.

“Con i contenitori interrati – prosegue Mangialento – ci sono altri importanti vantaggi come il conferimento dei rifiuti disponibile all’ utenza 24h su 24h; la riduzione dei costi di raccolta a metro cubo per l’elevata capienza e velocità nello svuotamento; minor utilizzo di automezzi per la raccolta, quindi minor traffico ed inquinamento; drastica riduzione degli odori nell’ambiente.

E poi, ancora, la riduzione dei rumori dovuti al conferimento rispetto ai contenitori stradali esterni in particolare per il vetro; apertura ergonomica per anziani e disabili; ingombri esterni ridotti, quindi aumento degli spazi a disposizione per le strade, con aumentata possibilità di parcheggio per le auto; eliminazione della spazzatura nelle strade: sacchetti, bidoni e cassonetti di qualsiasi tipo non saranno più visibili; formazione di “Isole Ecologiche” di aspetto gradevole e di grande capienza e, non ultima, massima resistenza ad atti di vandalismo”.

“E’ doveroso – conclude Mangialento – pensare a soluzioni adeguate per la città, facendo ricorsi agli ultimi ritrovati della tecnologia, per far compiere alla città quel salto di qualità che aspetta da tanti, troppi anni”.

PUBBLIREDAZIONALE - Impossibile resistere alle offerte dell'estate Peugeot.