giovedì 8 marzo 2012

Avezzano – Lucia Proto (Idv) su 8 Marzo: “31 donne uccise dall’inzio 2012, non c’è nulla da festeggiare!”

Sono 31 le donne uccise dall’inizio del 2012, solo negli ultimi 67 giorni è stata uccisa una donna ogni due giorni. Sono state più di 120 le donne uccise nel 2011 e la maggior parte delle violenze non vengono nemmeno denunciate perché il contesto sociale italiano è ancora patriarcale e incentrato sulla “superiorità” della famiglia rispetto ai diritti dell’individuo in quanto bambina/o o donna.

La violenza maschile è la prima causa di morte delle donne; le vittime di omicidio da partner o ex partner è aumentata a dismisura fra il 2006 e il 2010. La violenza domestica risulta essere la più perpetuata con dati che oscillano tra il 70 e il 90%. Ciò che è più grave ancora è che questo tipo di violenza non viene percepita come un reato contro la persona e il quadro giuridico è troppo frammentato; la modalità delle indagini, le sanzioni e il risarcimento delle vittime sono inadeguate o il più delle volte inesistenti e tutto questo porta all’omertà e a un muro di silenzio sempre più insormontabile.

Al nostro Paese è stata affibbiata dalle Nazioni Unite, la parola di “FEMMINICIDIO” e cioè di tutte le pratiche atte alla “distruzione fisica, psicologica, economica, istituzionale della donna in quanto tale”, in Italia è la prima causa di morte delle donne tra i 15 e i 44 anni.

Il CEDAW Rapporto Ombra e delle Raccomandazioni al Governo Italiano per eliminare le discriminazioni contro le Donne, elaborato dall’ONU per tutti i Paesi del Mondo, ha evidenziato che l’Italia non solo è rimasta indietro in materia di diritti delle donne ma, negli ultimi 20 anni, ha applicato delle regole che alimentano le disuguaglianze di genere. Le Nazioni Unite che chiedono normalmente un aggiornamento delle misure atte all’incremento delle pari opportunità, ogni 4 anni, ha invece stabilito per l’Italia il termine più urgente di 2 anni.

E’ una situazione sociale allarmante e gravissima; i dati confermano che il “femminicidio” è in aumento anno dopo anno e denota come diversi fattori sociali, culturali ed economici stiano accentuando drammaticamente i conflitti di genere.

Il Rapporto Ombra Cedaw ha rilevato che il problema fondamentale risiede negli stereotipi culturali italiani, nella mancata considerazione delle donne come persone: la violenza sulle donne non è frutto di un raptus, ma scaturisce da relazioni di genere non equilibrate.

Di questo è responsabile anche il nostro Stato e i recenti Governi che non si interessano dei contenuti della didattica nelle scuole, che impongono differenze di genere anche con il colore dei “grembiuli” rosa per le femmine e celeste per i maschi, sin dalla scuola materna, che non investono nella crescita culturale del Nostro Paese.

Il mercato che attraverso la pubblicità televisiva, sulle riviste, sui manifesti veicola messaggi discriminanti, usa messaggi sessuali, usa il corpo delle donne come un oggetto. Produzioni televisive, anche pubbliche, che creano cartoni animati in cui il ruolo delle donne è superficiale, civettuolo, stupido. Spettacoli televisivi che fagocitano il voyerismo e la sottocultura.

L’industria e il commercio che producono giocattoli per le femmine diversi da quelli per i maschi. Perfino, l’uso della nostra lingua italiana è discriminante, la consuetudine vuole che per indicare la collettività spesso si dica “tutti” invece che “tutte”, oppure “bambino”, invece di “bambina” e per indicare il genere umano, si usi ancora dire gli “uomini” invece che le “donne” si potrebbe benissimo usare il termine “persone”. Come possiamo quindi pretendere di avere uguale considerazione dei generi, se contiamo così poco?!

E’ necessario quindi operare una vera e propria RIVOLUZIONE CULTURALE, attraverso leggi e regolamenti che “impongano” la conoscenza approfondita della persona e il rispetto e la considerazione di genere. Dobbiamo sempre ricordare che Paesi molto più evoluti del nostro hanno raggiunto la parità della dignità attraverso l’imposizione del 70% delle quote femminili in tutti i campi della vita civile.

E’ necessario investire nell’istruzione, nella cultura, nella conoscenza approfondita della nostra storia e di quella di altri Paesi esemplari dal punto di vista della democrazia partecipata. La scuola insieme all’educazione impartita dai genitori hanno un ruolo troppo importante per essere dimenticato. Come potremo aspirare a migliorare la nostra società e noi stessi se non investiamo nell’educazione e nella cultura!?

E’ chiaro che per fare qualcosa anche le DONNE (non le ex-veline) dovrebbero avere incarichi di Responsabilità nel nostro Paese, ma guarda caso, nella mia città, su 40 circa Consiglieri Comunali, c’è solo una donna e per giunta non ha incarichi operativi.

Ma che bella FESTA QUESTO 8 MARZO! Purtroppo per ora è divenuta solo una COMMEMORAZIONE svuotata di contenuti.

Avezzano, 8 Marzo 2012
Arch. Lucia Proto
Responsabile Abruzzo IDV Donne

Fino al 1° Giugno, cucine, soggiorni, camere da letto, complementi d'arredo e tanto altro... con sconti reali dal 30% al 70%!

Sora, brutto incidente tra due auto. Feriti due bambini ricoverati in ospedale
4 ore fa

FROSINONE TODAY - Brutto incidente stradale questa mattina in pieno entro a Sora. Due auto, una Fiat Bravo ed un’alfa 156 si ...

Si perdono sulla montagna di Morolo, notte di paura per due giovani
1 giorno fa

FROSINONE TODAY - Da ieri sera vigili del fuoco ed i carabinieri di Anagni erano alla ricerca di due ragazzi di 19 anni ...

Fiuggi, riempiva di botte la moglie. Arrestato un 36enne del posto
1 giorno fa

FROSINONE TODAY - Maltrattamenti e violenze ai danni della moglie, i carabinieri della stazione di Fiuggi hanno fatto scattare le manette ...

Sora in Rosa alla Race for the Cure 2018
2 ore fa

SORA IN ROSA - “Sora in Rosa – Una mano tesa alla prevenzione”. Con questo slogan, un autobus partito da Sora ha preso parte all’...

L'INTERVISTA - Salvatore Lombardi
2 ore fa

SALVATORE LOMBARDI - Esperto in mercato del Lavoro e servizi per il lavoro. Esperto in formazione finanziata, nell'ideazione progettazione e coordinamento di percorsi ...

Sora: il prossimo consiglio comunale si svolgerà di domenica
3 ore fa

ROBERTO DE DONATIS - Il Presidente del Consiglio Antonio Lecce ha convocato il Consiglio Comunale di Sora in seduta pubblica, ordinaria, presso la Sala ...

Arpino: grande successo per il 6° Festival delle Piccole Orchestre
5 ore fa

BERNARDO GIOVANNONE - Si è concluso il 6° Festival Nazionale per Piccole Orchestre organizzato dall' "Cicerone" di Arpino-Fontana Liri-Santopadre. Tre giorni di festa all'insegna della ...

Sora Calcio: nel giorno di S. Restituta la semifinale playoff in campo neutro
6 ore fa

SORA CALCIO - Il Sora Calcio batte 3-1 la Polisportiva Romano e si qualifica per le semifinali playoff di Promozione, facendo un passo ...

Sora Calcio: bianconeri in semifinale playoff, al Tomei è 3-1
20 ore fa
5

SORA CALCIO - Il Sora non fallisce il primo importantissimo appuntamento di questa coda stagionale, che potrebbe aprire un'altra porta per l'Eccellenza. Al ...

Domenica 27 Maggio Festa del Castello di S. Casto. Ecco il programma
20 ore fa

CAI SORA - Come tradizione l’ultima domenica di maggio si svolge a Sora la “Festa del Castello di S. Casto” organizzata dalla ...

Guardia Medica: ma quale atto dovuto? La nota di Loreto Marcelli (M5S)
1 giorno fa
1

LORETO MARCELLI - «In merito alle dichiarazioni rilasciate dal Direttore Sanitario facente funzione dell’ ed apprese dai mass media si ritiene opportuno fare ...

Da oggi chiamatelo Sir Davide!
2 giorni fa
5

DAVIDE ZAPPACOSTA - "Solo un ragazzino che insegue i suoi sogni". Così Davide Zappacosta sulla sua pagina social, dopo il successo del Chelsea ...

Grande partecipazione nel giorno del ricordo di suor Elena Mattiucci
2 giorni fa

SUOR ELENA MATTIUCCI - Domenica 13 maggio è stata ricordata l’indimenticabile figura di suor Elena Mattiucci per volontà dell’Associazione Iniziativa Donne :grande partecipazione da ...