venerdì 4 luglio 2014

Litiga con la fidanzata, chiama la Polizia per calmare la donna e poi finisce in carcere

E’ accaduto nelle prime ore di Giovedì mattina, all’esterno di una discoteca nelle adiacenze dello stadio Olimpico di Roma. Un 34enne di origini brasiliane in lite con la propria fidanzata, non sapendo evidentemente come calmare la propria compagna, ha pensato bene di  chiamare il 113, convinto che l’intervento della Polizia avrebbe potuto contribuire a placare  gli animi.

Una pattuglia del Commissariato Ponte Milvio è giunta in breve sul posto e, in effetti, ha riportato alla ragione la donna. A questo punto, i poliziotti hanno iniziato a fare i consueti controlli per l’identificazione scoprendo, con loro sorpresa, che proprio il richiedente l’intervento, identificato per D.A., era colpito da un ordine di carcerazione emesso da meno di un mese dalla Procura di Venezia di cui, evidentemente, il giovane non era ancora a conoscenza. Per lui, pertanto, sono scattate le manette e l’accompagnamento al carcere di Regina Coeli. Dovrà scontare una pena totale di oltre un anno, derivante da due sentenze divenute definitive.

PUBBLIREDAZIONALE - Un lavoro costante ed equilibrato svolto per un periodo compreso tra le sei e le otto settimane è in genere ideale per poter recuperare le facoltà motorie e reimpossessarsi della propria quotidianità.