Libri di testo per le scuole elementari: il Comune salderà il suo debito con le librerie

In ordine alla vicenda del pagamento dei libri di testo delle scuole elementari alle librerie e ai ritardi lamentati dalla Confcommercio, il Comune di Frosinone esprime la propria posizione tramite l’assessore alle finanze e al bilancio, Riccardo Mastrangeli, e tramite l’assessore alla pubblica istruzione, Claudio Caparrelli.

“La situazione di sofferenza delle librerie – ha detto l’assessore Mastrangeli – è ben nota a questo ente ed è una crisi che affonda le sue radici nelle situazioni di difficoltà generale del Paese, amplificate, anche, da una cronica agonia del settore dell’editoria. Il Comune di Frosinone, nonostante non navighi in buone acque dal punto di vista finanziario per le ragioni che ormai sono note a tutti, farà la sua parte fino in fondo e senza riserve. Siamo in attesa dei denari non solo della Cassa Depositi e Prestiti, ma anche del Piano di Risanamento che sarà inviato alla Corte dei Conti dopo l’approvazione di venerdì prossimo, e provvederemo ai pagamenti in ordine di fattura secondo le disposizioni di legge”.

“Il Comune di Frosinone, come tanti altri enti – ha detto l’assessore alla Pubblica Istruzione Claudio Caparrelli – paga i ritardi nel trasferimento dei fondi dagli enti sovraordinati. L’amministrazione comunale, di certo, non mancherà di saldare il proprio debito oggettivo con le librerie che hanno anticipato le spese, venendo incontro alle esigenze degli operatori del settore e alle famiglie dei bambini che frequentano le scuole elementari della nostra città”.

Menu