16 ottobre 2014 redazione@ciociaria24.net

La Questura di Frosinone “dichiara guerra” alla prostituzione: controlli a tappeto

L’analisi compiuta dalla Questura sulle aree interessate al fenomeno dello sfruttamento della prostituzione ha consentito di realizzare una mappatura su cui indirizzare gli interventi. Obiettivo della Polizia di Stato è quello di verificare l’eventuale presenza di singoli o gruppi che, a scopo di lucro, sfruttano il fenomeno della prostituzione. Proprio per questo nella serata di ieri sono scesi in campo gli equipaggi delle Volanti di Frosinone e Cassino oltre al personale della Squadra Mobile e del Nucleo Prevenzione Crimine Lazio.

I controlli eseguiti lungo la strada ASI a Frosinone e zona industriale di Cassino hanno consentito di verificare la posizione di 19 donne a Frosinone e 6 a Cassino. Delle 19, tutte di nazionalità rumena, 3 sono state denunciate per inosservanza al F.V.O., mentre per altre 7 è scattato il F.V.O. Delle sei donne rintracciate a Cassino cinque sono di nazionalità rumena e nei loro confronti è stato adottato il F.V.O. mentre per una cittadina nigeriana, risultata richiedente asilo politico, sono stati trasmessi gli atti all’Ufficio Immigrazione per l’adozione dei provvedimenti di competenza. Le strade su cui sono stati eseguiti i controlli hanno registrato anche un miglioramento delle condizioni di viabilità spesso compromessa a causa dei rallentamenti e distrazioni provocati dalla presenza di donne dedite alla prostituzione.

Menu