22 febbraio 2012 redazione@ciociaria24.net

Confesercenti Frosinone dalla parte di coloro che hanno subito danni dall’interruzione della fornitura elettrica, idrica e telefonica nei giorni dell’emergenza neve

Centinaia di imprese, tra bar, ristoranti, aziende agricole e tantissime famiglie hanno subito danni per l’impossibilità di aprire la propria attività, di curare i propri cari o per il deperimento dei prodotti alimentari conservati nei congelatori, disagi dovuti alla mancanza della fornitura idrica, elettrica e della linea telefonica. Bar impossibilitati a fornire un caffè, ristoranti chiusi, famiglie con disabili a carico lasciate senza servizi primari e senza informazioni da parte di quelle aziende fornitrici dei servizi, peraltro molto esigenti, quando gli utenti ritardano un pagamento, sostanzialmente assenti sotto il profilo dell’informazione e della vicinanza all’utenza.

Vogliamo ricordare che i disagi reali e concreti si sono protratti per oltre una settimana e hanno riguardato buona parte della provincia di Frosinone. L’allerta neve era stata ampiamente pubblicizzata e l’allarme era stato dato dalla Protezione civile nazionale con ampia dovizia di particolari. Riteniamo quindi che le misure di emergenza e i “Piani di Crisi” non siano stati preparati con la dovuta cura.

Quanto su descritto ha indotto il direttivo della Confesercenti, nelle persone del Coordinatore Fiorino Tolassi, e dei collaboratori Bruno Vacca per l’area di Cassino e Pio Conflitti per l’area di Sora e Val Comino, che bisognava agire con determinatezza. Per questo organizzeremo una raccolta dati relativa ai danni subiti dagli utenti dei servizi idrico, elettrico e telefonico e con lo scopo di ottenere un risarcimento danni a favore dell’utenza privata e professionale.

Per questo la Confesercenti ha elaborato, in collaborazione con l’avvocato  Rosalia Bono i moduli da predisporre a cura degli utenti che siano cittadini o imprese per poi richiedere il risarcimento danni alle imprese responsabili dei disservizi. La raccolta dei dati sarà estesa a tutta la Provincia di Frosinone.

Chiederemo ai Sindaci dei paesi e delle città colpite una collaborazione per informare gli utenti delle iniziative volte ad ottenere un risarcimento.

Inoltre nei prossimi giorni avvieremo una collaborazione con le associazione dei consumatori e del lavoro come l’ ADICONSUM o  CODICI, avvieremo una collaborazione con le altre associazioni perché mai più si ripetano situazioni da terzo mondo nel centro dell’Italia, crediamo che questa battaglia di civiltà dovrà essere l’obbiettivo che le associazioni di tutela dei consumatori dovranno inseguire.

Fiorino Tolassi   

Menu