9 novembre 2012 redazione@ciociaria24.net

Intervista a Sonja Percan: “Vi racconto la mia IHF Volley”

Sonja Percan, atleta croata al suo ottavo anno in serie A, per la stagione agonistica 2012/2013 riveste il ruolo di schiacciatrice e vice capitano della IHF Volley.
Sonja racconta attraverso una breve intervista la sua esperienza con i colori bianco neri del club laziale, parlando anche delle gioie e delle difficoltà che sta incontrando in questo 68° Campionato Nazionale Femminile appena iniziato.

1.Come mai ha scelto di giocare con la IHF Volley?

“Prima che ancora che arrivasse la chiamata da parte della Società, speravo che il mio futuro in A2 potesse continuare proprio a Frosinone. Durante la scorsa stagione avevo sentito cose molto positive sul conto della società’ e del suo Presidente e Main Sponsor Lucio Iacobucci. Mi sono subito interessata e ne ho parlato sia con il mio procuratore sia con Valeria Zanin, la nostra palleggiatrice, che ha giocato con la IHF Volley anche nella scorsa stagione. Valeria mi ha parlato molto bene della società, confermando le mie buone impressioni.
Quando ho saputo che il direttore sportivo Maurizio Crispino stava allestendo una squadra molto competitiva, Joel Despaigne avrebbe continuato come secondo allenatore e Mario Martinez come primo allenatore, non c’erano più’ dubbi che il mio futuro sarebbe stato la IHF Volley”.


2.Come sei cambiata dagli esordi ad oggi? Cosa hai guadagnato e cosa hai perso?

“Questa è l’ottava stagione che disputo nel campionato Italiano di seria A. Ogni stagione è diversa e porta con se forti emozioni ma anche tante difficoltà. Sicuramente dopo tutte queste esperienze e tanti anni di pallavolo alle spalle, ho fatto bagaglio di importanti insegnamenti. Sono maturata negli anni sia come giocatrice che come persona. Ho imparato tanto allontanandomi sempre più dall’’idea che la pallavolo è solo un gioco, idea che agli esordi della mia carriera forse un po’ avevo”. 


3.La IHF Volley è composta da professioniste di provenienza diversa. Quali sono i vostri punti di forza e quelli di debolezza? 

“Individualmente penso siamo molto forti e lo dimostrano i curriculum di tutte e dodici. Fino ad ora il nostro punto debole è ,che per tanti motivi (poco tempo passato insieme, qualche problema fisico di troppo), non abbiamo ancora trovato un identità di squadra”.


4. Sei soddisfatta delle tue prestazioni in queste prime cinque partite di Campionato?

Le mie aspettative personali e di squadra sono molto alte, di conseguenza credo che fino ad oggi non si sia ancora visto il meglio e quello che siamo in grado di poter dare alla Società ed ai nostri tifosi.”

5. Ci parli della sconfitta contro Soverato?

“Abbiamo incontrato una buona squadra che davanti al suo pubblico doveva fare risultato. Sicuramente speravamo in un esito diverso, ma le assenze di alcune delle nostre compagne si sono fatte sentire e non siamo state brave a superare questa difficoltà di formazione.”


6. Il prossimo match è contro la Puntotel Sala Consilina. Come pesate di disputare questa partita? 

“Questa partita la aspettiamo per dare una svolta positiva al nostro percorso in questo 68°campionato di pallavolo femminile in modo tale che le sconfitte subite possano rimanere solo un brutto ricordo. Abbiamo recuperato qualche infortunio, e questo ci aiuta ulteriormente ad affrontare la gara con la convinzione di fare risultato”.


7. La IHF Volley ha incassato 3 sconfitte consecutive, come vivi questo momento?

“E difficile vivere questi momenti, però tutto il gruppo, partendo dalla dirigenza agli allenatori ci aiuta a rimanere motivate e a pensare alla prossima partita e non tanto a quello che e stato.”


8. Cosa ti aspetti da questa regular season? 

“Se riusciamo finalmente a giocare con il sestetto titolare al completo, credo vivamente che la musica inzierà a cambiare. Come dice il nostro allenatore, non importa come inizi ma come finisci. Abbiamo avuto piu difficoltà di quelle che ci saremo aspettate, ma il campionato è lungo ed abbiamo ancora tutto il tempo per raggiungere i nostri obiettivi.”

9. C’è qualcosa che vorresti dire ai tuoi tifosi?
“Nello sport non si può pensare di poter sempre vincere, il risultato non è mai scontato fino alla fine ed il bello e proprio questo. Rimanete vicini a questa squadra, perché alla fine vedrete che dopo alti e bassi sarà un bellissimo viaggio da ricordare!”

Chiara Bianchi

Menu