20 febbraio 2013 redazione@ciociaria24.net

Incontro con Rosy Canale al Cinema Arci: un momento memorabile [FOTO]

Momento memorabile quello vissuto Mercoledì scorso a Frosinone presso il Cinema Arci, dove il Comitato Civico Laboratorio Scalo ha organizzato un incontro con Rosy Canale, l’imprenditrice calabrese che si è ribellata alle regole della ‘ndrangheta.
Dopo il saluto del Presidente del Comitato Anselmo Pizzutelli, alla presenza del Comandante della locale stazione dei Carabinieri M.llo Marino, accompagnato dal suo vice M.llo Passaretti, e di seguito alla proiezione di un breve filmato elaborato dal Comitato, Rosy Canale, introdotta dal giornalista Roberto Monforte, ha raccontato la sua storia, con molta semplicità ma con innegabile fermezza.

Titolare di un locale di ristorazione e intrattenimento a Reggio di Calabria, si era resa conto che il suo esercizio era diventato luogo di un organizzato smercio di droga. Fronteggiato l’uomo da lei individuato quale gestore dello spaccio, persona peraltro conosciuta dalla stessa, era seguito un anno di gesti intimidatori a suo danno, dalla gallina sgozzata sull’uscio della porta all’auto trovata parcheggiata in luogo diverso da quello dove era stata lasciata e altri di ogni genere. Atti intimidatori di cui la stessa aveva nel tempo tenuto un dettagliato diario, soprattutto in concomitanza del fatto di non essere creduta dalle Autorità che invece avrebbero dovuto tutelare la sua sicurezza.

Dopo aver tenuto testa al figlio di un boss del mandamento di Reggio, il più potente fra le aree di spartizione della ’ndrangheta, era arrivata la ritorsione: l’agguato con un pestaggio che l’aveva ridotta quasi in fin di vita. Rosy ha dichiarato: “E’ stato il mio punto zero, da cui tutto si ricrea”. Da lì la scelta che poi è diventata “la ragione di vita con la quale e per la quale mi alzo la mattina”. Ha deciso di trasferirsi a San Luca, “l’ombelico della ‘ndrangheta”, ha deciso di “scendere all’inferno”. Ha incominciato lì la sua opera, incontrando una ventina di donne. In quell’occasione è riuscita a riparlare per la prima volta dell’aggressione subita, creando un momento di “dolore condiviso” con donne alle quali avevano ucciso un figlio o un marito o un fratello. Al secondo incontro le donne erano 364!

E’ così che nasce il movimento delle Donne di San Luca. Come ha sottolineato la Canale “non è un movimento anti-mafia; la mafia è fatta di persone e io voglio agire per sostenere le persone”. A San Luca non ci sono opportunità, alternative. L’associazione di San Luca è nata per essere una “alternativa”. E il gesto “controcorrente” di Teresa Strangio, madre e sorella di due dei morti della strage di Duisburg, di perdonare gli assassini e di non chiedere vendetta, come vuole il codice malavitoso, è stato il segnale dell’inizio della “primavera di San Luca”.

E’ stata creata una ludoteca per offrire una alternativa di valori e di cultura ai bambini del paese, realizzata in una villa confiscata alle associazioni malavitose. Attività che però si è arenata a causa della mancanza di fondi, “promessi da autorità e personalità di spicco nazionale che di ciò si sono fatti vanto a livello mediatico; fondi che però non sono mai realmente arrivati”.
Rosy tenta di finanziare i suoi scopi con iniziative di natura artigianale, come la realizzazione di preziosi ricami locali o la produzione di saponi completamente vegetali, che però si scontrano con la difficoltà di inserimento in un circuito costante di mercato.
Peraltro Rosy è costretta a espatriare oltre oceano a causa delle ormai esplicite minacce di morte a lei rivolte, soprattutto dopo la pubblicazione del suo libro “La mia ‘ndrangheta”.

A New York allestisce una mostra fotografica con i volti delle donne di San Luca, donne che vogliono ridare una dignità a un paese ormai connotato solo come “paese di ‘ndrangheta” ma dove invece vi sono anche famiglie che – se avessero altre prospettive e opportunità – vorrebbero vivere una vita diversa. Questa donna, minuta e pacata, ha tenuto inchiodata alle poltrone una numerosa platea per quasi due ore, rispondendo anche a diverse domande. Da Valerio Comerci, responsabile del GAS Gruppo Acquisto Solidale di Frosinone, è arrivata la proposta di inserire nel circuito di acquisti del Gruppo anche i prodotti del Movimento Donne di San Luca.
Una serata davvero interessante, che ha permesso ai presenti di conoscere una persona che, malgrado la sua scelta coraggiosa, si reputa “una cittadina normale che ha fatto una scelta normale”. Perché Rosy Canale reputa che la ‘normalità’ dovrebbe essere quella contraddistinta dalla legalità e dalla libertà di essere padroni della propria vita.

Il suo è stato un umile racconto di vita, vita in cui i momenti di dolore e amarezza sono stati sempre addolciti da una grande fede cristiana. Una fede che l’ha portata a vedere il mondo della malavita non come un compartimento stagno, standardizzato, ma come un mondo di persone, alcune delle quali ‘costrette’ ad adeguarsi a certi metodi dal contesto socio-familiare o da regole ancestrali. Ecco perché ha concluso l’incontro con l’invito ad agire tutti per far riconquistare alle coscienze la “dimensione del giusto”, soprattutto in un Paese dove sono spesso le Istituzioni ad essere ‘latitanti’. E la dimensione del giusto si può conquistare solo con la cultura, vera chiave di volta …. e di svolta. E il Comitato Laboratorio Scalo non può che concordare. Solo la conoscenza dà consapevolezza.

Il Presidente
Dott. Anselmo Pizzutelli

Menu