martedì 23 luglio 2013

Incendio Colleferro, Arpa Lazio: “Nessuna conseguenza ambientale rilevata”

In merito alla fuoriuscita di fumo rilevata in data odierna dagli abitanti di Colleferro e successivamente riportata da diversi organi di stampa, l’ARPA Lazio precisa quanto segue. Il fumo è stato causato da un incendio avvenuto nelle prime ore della mattina all’impianto di termovalorizzazione di CDR E.P. Sistemi, ubicato in località Colle Sughero. Il personale dell’impianto aveva notato lo sviluppo di fumo a partire dalle 5,30, tenendolo sotto controllo con le manichette del sistema antincendio.

Un’ora dopo, poiché il fenomeno rischiava di propagarsi, è stato richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco, che sono rapidamente intervenuti e hanno estinto l’incendio in breve tempo. Personale tecnico del Servizio Aria della Sezione provinciale di Roma dell’Agenzia si è quindi recato presso l’impianto in questione non appena avuta notizia dell’incidente, in considerazione della particolare attenzione che l’ARPA Lazio dedica all’area di Colleferro, così come a tutti i siti sensibili presenti sul territorio regionale, a tutela della salute dei cittadini.

I tecnici hanno quindi accertato che l’incendio ha riguardato un nastro trasportatore di alimentazione del CDR in prossimità della fossa di carico e che il CDR stesso non è stato interessato dalle fiamme. Sono stati inoltre analizzati i dati orari di qualità dell’aria registrati dalle due centraline ubicate nel territorio comunale di Colleferro che non evidenziano alcun picco significativo per nessuno dei parametri monitorati.

PUBBLIREDAZIONALE - Un lavoro costante ed equilibrato svolto per un periodo compreso tra le sei e le otto settimane è in genere ideale per poter recuperare le facoltà motorie e reimpossessarsi della propria quotidianità.