18 dicembre 2012 redazione@ciociaria24.net

IMU, il comune di Frosinone non spreme i contribuenti

Il Comune di Frosinone è amico dei contribuenti. E’ quanto emerge dalla fotografia del saldo Imu sulle case di abitazione, ossia la prima casa. Da uno studio elaborato dalla Consulta dei Caf, infatti, risulta che Frosinone rientra tra i capoluoghi di provincia che hanno percorso un itinerario fiscale che non ha pesato sulle tasche dei contribuenti, come, invece, non è accaduto in altre realtà anche bilanci più floridi e più sani di quelli di Frosinone. Nel capoluogo, infatti, la Giunta Ottaviani ha deciso di tenere l’aliquota sulla prima casa allo 0,4%, quella minima prevista dalla normativa, oltre ad aver inserito nel regolamento Imu una serie di agevolazioni per le categorie più disagiate.

I dati diffusi in questi giorni – ha detto l’assessore alle finanze Riccardo Mastrangelici confortano sulla bontà delle scelte operate. Nonostante i limitati spazi di manovra imposti dalla Corte dei Conti per il nostro conclamato deficit finanziario ereditato dal passato, abbiamo messo in campo provvedimenti tesi al riequilibrio da una parte, ma che salvaguardano gli interessi della città dall’altra. L’intera manovra che abbiamo elaborato ha voluto accordare la massima tutela alle fasce più deboli della popolazione in linea con gli impegni presi durante la campagna elettorale. L’aliquota sulla prima casa, ad esempio, è tra le più basse in Italia e inferiore di mezzo punto alla media nazionale; nonostante abbiamo registrato minori trasferimenti dallo stato centrale per ben 2 milioni, non abbiamo aumentato le tariffe dei servizi (mensa, scuolabus, asili ecc…) ed abbiamo previsto specifiche detrazioni per i cittadini in maggiore difficoltà. Inoltre siamo venuti incontro ai proprietari di locali commerciali che, principalmente a causa della crisi economica, non riescono ad affittare i propri immobili. A conti fatti, per le scelte operate da questa amministrazione, i cittadini di Frosinone non vengono annoverati nella categoria dei tartassati”.

Menu