29 febbraio 2012 redazione@ciociaria24.net

Il Sindaco di Frosinone Michele Marini in risposta all’On. Maruccio

Debbo contraddire l’onorevole Maruccio per le sue odierne affermazioni, palesemente infondate, a partire da quella relativa ad una presunta “scarsa considerazione” che io e la mia Giunta avremmo avuto per l’Idv in questi cinque anni. Ho avuto i necessari contatti con chi ha rappresentato a Frosinone il partito dell’onorevole Di Pietro in questi anni e mi dispiace di non avere potuto corrispondere a tutte le loro aspettative personali. Quanto poi al contributo dato alia mia elezione a Sindaco, rinnovo i sensi della mia più viva gratitudine per l’apporto fornito dalla lista dell’TDV, pur rammentando a me stesso che non pochi candidati di quella lista furono da me indicati e proposti ai referenti di partito e non andarono affatto male con le preferenze. L’On. Maruccio, che evidentemente non conosce la realtà di Frosinone, mi imputa di non avere rispettato il programma elettorale del 2008: niente di meno vero, perché quel programma è stato pienamente rispettato (circa 80 milioni di euro sono stati spesi per completamento lavori ed opere pubbliche, come lo stadio del nuoto, la scuola Cavoni, l’ascensore inclinato, il Centro Sociale Integrato, Scuola Selva Piana, scuola Madonna della Neve, Teatro, messa in sicurezza della Monti Lepini e molto altro ancora) oltre al varo, dopo 40anni, di un nuovo piano PEEP a sostegno dei cittadini meno abbienti, ed il mantenimento dell’ottimo welfare cittadino, nonostante i pesanti tagli governativi e regionali. Ma una risposta particolare merita l’On. Maruccio a proposito della ritenuta “pesante questione morale” che avrebbe investito la mia Amministrazione e sulla quale egli, anche a nome dei suoi Amici, ritiene di non poter sorvolare, mentre io avrei minimizzato. Ebbene, all’Ori. Maruccio ed a chi ragiona come lui, dico alto e forte che io, per mia natura, non minimizzo mai niente, meno che mai i fatti ed i comportamenti che incidono sul rapporto fiduciario tra cittadini e classe politica: ai ‘fatti’ ai quali allude l’On. Maruccio ho dedicato attenzione e vigilanza, avvertendo autentico e profondo dolore per alcune vicissitudini riportate dalla cronaca locale; quindi, se lui non sorvola, nemmeno io ho mai neppure pensato di sorvolare. I “fatti” sono in corso di accertamento e spero vivamente che la Magistratura faccia piena luce al più presto; e poiché l’On. Maruccio decide e comunica che l’IDV

cambia il suo candidato Sindaco, quindi togliendo a me la sua fiducia dapprima concessa, gli rispondo che io non merito questo pronunciamento avverso. In tanti anni di attività amministrativa ho accumulato un solo patrimonio, caro On. Maruccio, costituito dalla mia rispettabilità e totale disinteresse privato; mai un solo centesimo è illecitamente entrato nel mio patrimonio, né direttamente né trasversalmente, in oltre vent’anni di amministrazione pubblica a Frosinone, in ruoli tutt’altro che secondari, e mi era sembrato di capire che proprio l’IDV, a partire dal suo atto costitutivo, fosse tutt’altro che insensibile a circostanze di tal genere. E non parli, nemmeno, di “pesante questione morale” che graverebbe sulla mia Amministrazione perché, come suol dirsi, il pesce, quando “puzza, puzza dal capo”. Ma il caso vuole che il capo di questa amministrazione sia io, che non “puzzo” e non ho mai “puzzato”, come bene sanno i miei concittadini, che mi conoscono da quando sono nato, sanno come vivo e quanto mi dedico alla cura dei loro interessi pubblici. La mia Amministrazione è composta da persone capaci ed operose, competenti ed oneste: e se qualcuno ha tralignato rispetto ai suoi doveri di probità ed onestà, avendoli scelti io, sono io che ne porto la responsabilità della scelta, ma niente di più perché, caro On. Maruccio, da un lato è ben noto che la responsabilità penale è personale e non trasmissibile, dall’altro che nella scelta delle persone si può anche sbagliare, talvolta, a vario titolo (affidabilità morale ma anche coerenza politica), come ha ben dimostrato in questi anni il Suo partito a livello ben più alto di quello locale e cioè quello parlamentare (i De Gregorio, gli Scilipoti, i Razzi, i Misiti, i Porfìdia, gli Astore, i Pisicchio, i Russo, e quant’altri, non Le dicono niente?)

Michele Marini – Sindaco di Frosinone

Menu