Il presidente di Confindustria sulla riforma del lavoro: “E’ una boiata” pazzesca…

Vi ricordate il film con Paolo Villaggio quando nei panni di Fantozzi sale sul palco e, a un passo dal super mega direttore generale pazzo per la cinematografia sovietica, sbotta: “La Corazzata Potemkin è una cagata pazzesca!”, tra gli applausi dei colleghi? Una pietra miliare del cinema nostrano entrato di diritto nel costume degli italiani. Ebbene il nuovo presidente di Confindustria Giorgio Squinzi ha fatto qualcosa di simile. “E’ una boiata”, ha detto il successore della Marcegaglia riferendosi alla riforma del lavoro. Soprattutto il patron della Mapei sembra avercela con la politico italiana, definita «sconcertante». Squinzi tuttavia la riforma l’ha firmata spiegando: «La riforma del lavoro è una vera boiata, ma non possiamo che prendercela così: dobbiamo presentarci il 28 giugno al Consiglio europeo con una riforma approvata». Ubi maior minor cessat.

Il direttore responsabile di Frosinone 24 – SACHA SIROLLI

Menu