Il Libersind Confsal in merito al referendum alla Marangoni Tyre

Si stà svolgendo in questi giorni il referendum alla Marangoni Tyre riguardante il futuro degli operai dell’azienda di Anagni. Il Libersind Confsal, sempre attento alla difesa del lavoratore e del posto di lavoro, da tempo stà denunciando lo scandaloso comportamento dei dirigenti aziendali e dei responsabili sindacali nell’affrontare questa crisi, ormai irreversibile, che vive la Marangoni.

Il referendum è una delle dimostrazioni di quanto da tempo diciamo, perché insinua la malafede aziendale e sindacale. Un referendum comunicato il giorno 24 aprile, con inizio il 26 (25 aprile azienda chiusa per festività!) e si concluderà il 3 maggio!!! Nemmeno le immense Cina ed India impiegherebbero tutti questi giorni. La Ras Libersind Confsal chiede con forza cosa ci sia sotto e chi controlla le urne tutti questi giorni. La dirigenza territoriale e nazionale del Libersind Confsal un’idea se l’è fatta: l’inciucio tra azienda e sindacati c’è stato il 19 dicembre 2011 e il 10 gennaio 2012, dove Cgil-Cisl-Uil e Cisal in un secondo momento, si erano accordati con la direzione aziendale per far pagare l’ennesima crisi ai soliti noti e cioè agli operai. Quest’ultimi accortisi dell’inganno volontariamente si sono messi fuori dai cancelli per ben 8 giorni, mettendo in grossa difficoltà le OO.SS. e la dirigenza aziendale che si erano venduti già l’accordo con la proprietà. Soltanto il buon senso degli operai ha fatto sì che le cose non degenerassero. Passata la grande paura gli artefici di questa situazione hanno continuato nel loro intento di togliere il salario e molte garanzie contrattuali ai soli operai della Marangoni, indicendo assemblee farsa ed iniziando il referendum senza dare la possibilità agli operai di leggere l’accordo: hanno confuso e stravolto il vero significato del referendum, massima garanzia di democrazia e volontà popolare. Il Libersind Confsal contesta in toto l’accordo ed il referendum perché fatto in modo assurdo, con ponte del 25 aprile e 1 maggio, sabato e domenica compreso, avendo inoltre un intero turno in CIGS. Ricordiamo ai “signori” sindacalisti che questa parola deriva da sindacalismo: complesso di dottrine e di movimenti che mirano, mediante l’associazione dei lavoratori nei sindacati, ad ottenere per essi migliori condizioni di vita e a garantire gli interessi economici… Appunto, proprio quello che state facendo voi!

RAS Libersind Confsal

Menu