Il ciociaro Pisani vince la Gf Sagrantino

(Foto di copertina – Cardinali)

La settima edizione della Gran Fondo Sagrantino parla ciociaro. Nel lungo vincono Vincenzo Pisani  e Gemignani, mentre nel medio si impongono Giardini e Mascelli.

Un’affermazione di prestigio per  il ciclista sorano in forza al team caro al presidente Roberto Cancanelli. Ai nastri di partenza della gara che si è svolta in territorio umbro ben 1400 partecipanti provenienti da tutto lo stivale. Anche quest’anno la Granfondo  Sagrantino, edizione numero sette, è stata una grande festa. Un evento, sportivo e promozionale, che ha colorato il borgo medievale di Montefalco. Valida come prova del Circuito degli Italici, del Circuito Interforze, del Circuito Dalzero.it, del Trofeo Centro d’Italia Redingò, della Gran Combinata della rivista Ciclismo e del Campionato umbro Granfondo e Mediofondo Fci, la gara umbra ha davvero entusiasmato sia i concorrenti sia i tanti spettatori a bordo strada che hanno assistito alla manifestazione.

Ad abbassare per due volte (alle 9 e alle 10) la bandierina della Sagrantino Internazionale, la gara vera è propria, sono stati il sindaco di Montefalco Donatella Tesei e il presidente della Federciclismo umbra Carlo Roscini. A imporsi nel percorso lungo di 121 chilometri sono stati Vincenzo Pisani della Mb Lazio Ecoliri e Irene Gemignani dell’As Roma Ciclismo, mentre nel medio di 95 chilometri hanno vinto Fabrizio Giardini del Team Monarca Trevi e Deborah Mascelli dell’Effetto Ciclismo – Fiano Romano. A pedalare, per il puro gusto di andare in bici insieme agli amici della Redingò c’era anche l’ex professionista Alessandro Spezialetti. Nel granfondo al chilometro 90 al comando ci sono otto unità, che vanno sgranandosi lungo la salita di Trevi. Al culmine attacca e se ne va Vincenzo Pisani della Mb Lazio Ecoliri. Prova a rispondergli Marco Morrone dell’Olimpia Cycling Team. Pisani continua però nella sua azione, arrivando a tagliare in perfetta solitudine al traguardo. Nel mediofondo al chilometro 46 in testa si forma un drappello di sette unità, frutto del ricongiungimento di due gruppetti. Tutto si decide sull’erta finale di San Clemente, dove il drappello dei battistrada si sgrana e alla fine al comando restano Federico Castagnoli del Team Bicimania Terni e Fabrizio Giardini del Team Monarca Trevi. A imporsi alla fine è Giardini, che aggancia Castagnoli ai cinquecento dal traguardo, trovando poi l’affondo vincente.  Bene anche gli altri atleti ciociari presenti alla manifestazione, con Luisiano Cannizzaro (Mb Lazio Ecoliri) giunto sesto e  Alfonso Conti (Team Conti 1980) decimo nel percorso lungo.

Ufficio stampa Mb Lazio Ecoliri

Menu