14 febbraio 2012 redazione@ciociaria24.net

Isola del Liri – Il Capogruppo Massimo Scarpetta interviene sulla mozione di sfiducia

Per  sfiduciare il Sindaco quindi per “mandare a casa” questa amministrazione occorrono 11 firme dunque 11 consiglieri Comunali. Se l’opposizione ne ha la possibilità lo faccia e si prenda la responsabilità di affidare la città ad un Commissario prefettizio, che si limiterebbe a gestire l’ordinaria amministrazione.

D’altronde cosa si può rimproverare a questo Sindaco? Di aver riaperto i cantieri? Di cercare di far quadrare i conti in un bilancio sempre più contratto gravato da tagli governativi e da contenziosi ventennali? Di aver ristabilito le regole del gioco democratico in cui le decisioni sono collegiali e non di pochi?

E’ addirittura falso e provocatorio affermare che  “il Sindaco e la giunta non appaiono più in grado di garantire l’ordinaria amministrazione” visto che ci si occupa e si risolvono tutti i giorni i problemi della città.

Quando parlano di “affidabilità  politica e di onestà personale” a cosa si riferiscono dato che questo Sindaco e la sua giunta sono invece riconosciuti ed apprezzati dai cittadini proprio per le alte qualità morali che esprimono? Fra l’altro mi risulta che nessun componentela Giunta“attuale” sia indagato o implicato in qualsiasi tipo di indagine in corso!

E cosa dire, invece, dell’atteggiamento del presidente del consiglio che, quasi furtivamente, ha convocato il consiglio comunale di venerdì 17 febbraio senza confrontarsi con l’amministrazione che aveva altri punti urgenti da inserire all’Ordine del Giorno. Convoca un consiglio consente ai consigliere di percepire il gettone di presenza, inutile e incompleto, e poi gridano al risparmio! E’ incredibile l’antidemocrazia e lo spreco pubblico sono per lui una regola.

Razza padrona, sono abituati a disporre ed indisporre in maniera provocatoria ed ingiuriosa il Sindaco e la sua maggioranza ma i tempi sono cambiati e non se ne sono accorti, non c’è più spazio per tali comportamenti perché sia la città che la politica si sono stancati.

Il “gioco” del presidente Angelo Caringi appare chiaro;  da due mesi non fa altro che provocare per essere sfiduciato e per  riempire poi i  giornali locali solo con polemiche inutili. Il presidente quindi, si vuole far sfiduciare per passare poi  come vittima agli occhi dell’opinione pubblica e lamentarsi del torto subito continuando a sparare a zero ed a ruota libera sul nulla.

Forse sarebbe meglio che pensasse di risolvere qualche problema della città poiché Isola del Liri appartiene a tutti, maggioranza ed opposizione, concetto troppo complicato da capire per chi vuole solo avere a che fare con il potere.

Il Capogruppo Massimo Scarpetta

Menu