Iannarilli sui cassintegrati presso i tribunali e le procure di Frosinone e Cassino: “Garantita la massima attenzione”

 

 

“In merito alla vicenda dei cassintegrati impegnati presso i tribunali e le procure di Frosinone e Cassino, intendo rispondere alle pressanti richieste che ci sono giunte da più fronti, confermando quanto detto durante un incontro che io stesso ho avuto con i responsabili delle strutture interessate. Stiamo vagliando infatti le possibilità per lavorare durante la pausa estiva, alla definizione di un nuovo bando. Tale strumento consentirà l’utilizzo lavorativo di ulteriori unità all’interno degli uffici a partire da settembre prossimo. Devo tuttavia sottolineare che non è nelle nostre competenze decidere circa la prosecuzione del progetto o del rapporto lavorativo dei precari già utilizzati, poiché nel pieno rispetto delle norme, l’indicazione regionale ne stabilisce l’interruzione entro l’anno. Si tratta infatti di un bando nato l’11 luglio del 2011 della durata di 6 mesi, a cui ha fatto seguito una proroga di ulteriori 6 mesi, con scadenza prevista per il prossimo 11 luglio. D’altra parte, le misure previste dal Progetto Operativo Obiettivo 2-PET 2007-2013 della Regione Lazio sono studiate per il reinserimento e l’integrazione sociale di tutti i potenziali soggetti che godono dei requisiti richiesti, in vista del coinvolgimento di chiunque intenda partecipare. Vero è inoltre, che la quota del Fondo Sociale Europeo è sempre destinata a interventi di breve durata da realizzare nel territorio. Opereremo quindi, in sinergia con la Regione e i tribunali, con il fine condiviso da tutti gli attori in campo, di agevolare certamente l’azione degli uffici giudiziari del territorio, rispettando comunque e sempre quanto dalla legge stabilito”. E’ quanto dichiara l’On. Iannarilli, Presidente della Provincia.


Menu