sabato 10 marzo 2012

IANNARILLI SU TARIFFA ACEA: “IL CENTROSINISTRA HA SULLA COSCIENZA LA STANGATA SULL’ACQUA”

La tariffa per l’acqua che i cittadini della provincia di Frosinone devono
pagare, secondo quanto stabilito dal commissario ad acta, è molto più alta di
quella che avevamo proposto all’Assemblea dei Sindaci. I Sindaci del
centrosinistra, che non hanno voluto approvare quanto avevamo proposto, sono i
responsabili di tutti i soldi in più che i cittadini di questa provincia devono
pagare sulla bolletta dell’acqua nel 2012. Si tratta di un aumento pesantissimo
che hanno sulla coscienza i Sindaci del centrosinistra, senza se e senza ma. La
tariffa che avevamo proposto all’Assemblea dei Sindaci e che i Sindaci del
centrosinistra non hanno voluto approvare consegnando ogni decisione al
Commissario ad Acta era, per il 2012, di 1,059 euro per metro cubo. Quella che
i cittadini ora dovranno pagare è di 1,359 euro per metro cubo. Di questo
tragico salasso delle loro tasche, lo ripeto e lo ripeterò all’infinito, i
cittadini devono ringraziare solo il centrosinistra che non ha voluto
proteggerli. La stessa sinistra della provincia di Frosinone che festeggia per
la vittoria del referendum sull’acqua pubblica di giorno e di notte fa di tutto
per far pagare di più i cittadini e favorire i gestori privati.

Detto questo devo entrare nel merito di quanto deciso dal Commissario, perché
ci sono alcune cose che non vanno e alle quali abbiamo già avanzato delle
osservazioni. In primo luogo sulla decorrenza della rivalutazione della
tariffa. Il Commissario, infatti, ha riconosciuto l’aggiornamento della tariffa
al tasso di inflazione programmata a decorrere dall’anno 2002. I tecnici che
noi avevamo incaricato e che hanno redatto la proposta che noi avevamo
presentato alla Conferenza dei Sindaci il 24 ottobre scorso, hanno invece fatto
decorrere tale aggiornamento dal giugno del 2003; ciò perché le parti (cioè l’
Ato e l’Acea) hanno contrattualmente stabilito nella Convenzione di gestione,
sottoscritta il 27 giugno del 2003, che la tariffa media sarebbe stata adeguata
al tasso di inflazione programmata relativa a tutti gli anni intercorrenti dall’
affidamento della gestione. Sulla base di quale presupposto andrebbe ora
disatteso quanto era stato convenuto tra le parti? Decorrendo l’affidamento
della gestione dal 27 giugno del 2003 l’aggiornamento della tariffa deve
decorrere da tale data e non dal 2002.

Seconda questione, gli effetti del referendum popolare. La relazione del
Commissario ad acta afferma che: “solo in sede di revisione provvederà ad
adeguare il Piano d’ambito agli esiti del referendum abrogativo dell’art. 154
del D.Lgs. n.152/2006 (adeguata remunerazione del capitale investito). In
sostanza si sta chiedendo ai cittadini di pagare, intanto, di più, in attesa di
un parere richiesto al Ministero dell’Ambiente che, come noi sosteniamo,
potrebbe stabilire di non far pagare quelle quote. In via prudenziale sarebbe
opportuno, invece, fare il contrario. E cioè evitare di far pagare di più i
cittadini e, nel caso, applicare in seguito l’eventuale aumento. Ciò perché per
determinare la tariffa, per il periodo successivo al 27 luglio del 2011
(referendum), sia necessario applicare il regime giuridico proprio, ratione
temporis, di una tariffa che viene determinata solo ora e che non può, in
carenza per l’appunto di una diversa tariffa, non tenere conto dell’intervenuta
abrogazione”.
Lo afferma il Presidente della Provincia di Frosinone, Antonello Iannarilli.

Ti potrebbe interessare
Ricostruzione del legamento crociato: a Roma la soluzione più innovativa

Ricostruzione legamento crociato Roma - I legamenti crociati, anteriore e posteriore, sono strutture fibrose collocate al centro del ginocchio, tra la tibia ed il femore, ...

"Bed and Breakfast Roma Centro": non c'è di meglio per le vostre vacanze romane! Ecco perché

Bed and Breakfast Roma centro - Un bed and breakfast a Roma Centro per le vostre vacanze a Roma. La scelta ideale per avere un riferimento ...

Crio compressione a Roma: di cosa parliamo, a chi serve e dove farla

Crio compressione Roma - La crio compressione è quel trattamento terapeutico che ci consente di ridurre edemi e infiammazioni di tessuti traumatizzati, attenuando il dolore ...

Come modificare le campagne pubblicitarie su Facebook dopo l'upgrade dell'algoritmo

Facebook - Vi ricordate i bei tempi, quelli in cui, a fronte di un investimento pari a un centinaio di euro, si ...