mercoledì 22 gennaio 2014

Iacovissi: “Frosinone non può permettersi di rinunciare anche all’Università”

“Frosinone non può permettersi di rinunciare anche all’Università”. Si apre così la nota con la quale il segretario cittadino PSI, Vincenzo Iacovissi, commenta le recenti notizie relative alla volontà dell’Amministrazione di non onorare la convenzione con l’Ateneo di Cassino, con la conseguenza di far cessare l’esperienza del polo accademico presente da anni sul territorio comunale.

«Non entro nel merito della disputa tra il Sindaco e il Rettore dell’Università di Cassino – dichiara Iacovissi – ma intendo esprimere la preoccupazione dei socialisti frusinati per il rischio che il capoluogo possa perdere un’altra istituzione culturale, e con essa una concreta opportunità di sviluppo e formazione. La presenza di corsi universitari su Frosinone è troppo importante e qualificante per essere gettata via. Peraltro – rileva il segretario socialista – dinanzi a simili tematiche la polemica dovrebbe lasciare spazio alle soluzioni concrete, affinché gli studenti che attualmente frequentano tali corsi vengano messi nella condizione di proseguire con tranquillità il proprio percorso formativo. Se l’Amministrazione ha in mente diversi progetti è certamente libera di esplicitarli e metterli in pratica, purché si scongiuri il pericolo di lasciare Frosinone priva di qualunque presidio di carattere accademico. Non possiamo permettercelo, nell’interesse di tutti. Certi che la nostra preoccupazione non sarà reputata di scarso rilievo – conclude Iacovissi – osserveremo con attenzione l’evolversi della vicenda, e faremo sentire la nostra voce a difesa delle esigenze culturali e universitarie della città».

PUBBLIREDAZIONALE - Un lavoro costante ed equilibrato svolto per un periodo compreso tra le sei e le otto settimane è in genere ideale per poter recuperare le facoltà motorie e reimpossessarsi della propria quotidianità.