sabato 6 gennaio 2018

I profughi fanno affari d’oro con la droga: noi li ospitiamo, loro seminano morte

FONTE: CIOCIARIA EDITORIALE OGGI – Si aggirano soprattutto nei giardinetti e nella zona della stazione ferroviaria della parte bassa del capoluogo. Si “nascondono” tra i tanti con cappelluccio, cuffiette alle orecchie, che cercano, seppur con difficoltà, di integrarsi. In barba alla legge diventano spacciatori o acquirenti. Un fenomeno che da qualche mese sta prendendo sempre più piede. Lo dimostrano i […] continua a leggere »