Guardia di Finanza Frosinone: consuntivo attività nei primi 5 mesi del 2014

240° anniversario della Fondazione della Guardia di Finanza. Consuntivo dell’attività svolta dalle Fiamme Gialle di Frosinone nei primi cinque mesi del 2014. La celebrazione dell’anniversario della fondazione del Corpo della Guardia di Finanza, anche quest’anno costituisce occasione per delineare un primo consuntivo dell’attività svolta dai Reparti del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone nel corso dei primi cinque mesi del 2014.

Anche per il 2014, le portanti strategiche dell’azione operativa si individuano nella lotta all’evasione ed all’elusione fiscale, nel contrasto alla criminalità economica ed il potenziamento del contrasto agli illeciti che provocano nocumento alla spesa pubblica nazionale e comunitaria. I risultati raggiunti in questa prima parte dell’anno evidenziano un’azione di servizio particolarmente incisiva, soprattutto nel comparto delle imposte dirette e indirette -principale missione istituzionale affidata al Corpo -, con riferimento alla quale sono stati recuperati a tassazione quasi 200 milioni di euro, accertato violazioni all’Imposta sul Valore Aggiunto per oltre 40 milioni di euro.

Di particolare rilievo i risultati raggiunti nel contrasto delle più gravi forme di frode fiscale: sono 60 le persone denunciate per reati fiscali all’Autorità Giudiziaria e 57 i soggetti completamente sconosciuti al fisco (“Evasori totali”) scovati dalle fiamme gialle. Su proposta dei Reparti del Corpo, le competenti AA.GG. hanno disposto il sequestro preventivo finalizzato alla preventiva confisca per valore equivalente sui beni per euro 32 milioni nei confronti di indagati per frode fiscale.

Massiccio l’impegno anche nel settore dei controlli strumentali, finalizzati a rilevare la regolare emissione di scontrini e ricevute fiscali: nello specifico settore sono stati effettuati, complessivamente, 3.058 controlli, rilevando irregolarità nell’11% dei casi. Importante è stata, altresì, l’attività svolta dal Corpo in materia di tutela della Spesa Pubblica, su delega della Procura Regionale della Corte dei Conti di Roma, alla quale sono stati segnalati danni erariali per circa 21 milioni di euro e segnalate 69 soggetti responsabili.

Inoltre, sono stati eseguiti 43 controlli in materia di prestazioni sociali agevolate, che in diversi casi hanno consentito di appurare l’illegittima percezione di sussidi da parte di svariati soggetti e la conseguente denuncia all’Autorità Giudiziaria per il reato di falsa attestazione della propria posizione reddituale ovvero di truffa ai anni dello Stato. A tutela dei bilanci degli Enti locali e delle varie Amministrazioni statali, nel periodo in esame sono stati eseguiti 6 controlli, tutti irregolari, con conseguente denuncia all’Autorità Giudiziaria di 137 persone per il reato di truffa ai danni dello Stato e la constatazione di una indebita percezione di incentivi od emolumenti per circa 300 mila euro. Due operazioni in materia di indebito utilizzo della Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria.

Alta e costante è l’azione di vigilanza e contrasto nel settore della tutela ambientale, con riferimento al quale è stata sottoposta a sequestro un’area industriale pari a circa 40.000 mq. per illecito ambientali. All’interno del sito sono stati rinvenuti, tra l’altro, 60.000 dvd contenuti in scatoloni riportanti la dicitura “RUBATI nel 2011”. Tale attività ha portato alla denuncia di una persona all’Autorità Giudiziaria.

Per quanto attiene la criminalità organizzata, anche nel corrente anno è proseguita una incessante attività investigativa finalizzata a contestare ogni forma di infiltrazione soprattutto economica, sul territorio della provincia di Frosinone, approfondendo operazioni sospette segnalate dagli Istituti di Credito e conducendo, su delega delle DD.DD.AA. di Roma e Napoli significative attività investigative.

Nell’ambito della vigilanza per il rispetto della normativa valutaria e la circolazione dei capitali, al fine di prevenire forme di riciclaggio e altri fenomeni illeciti connessi all’uso di strumenti finanziari, sono stati verbalizzati 26 soggetti economici e persone fisiche, 14 delle quali sono state denunciate alla competente Autorità Giudiziaria per aver posto in essere operazioni illecite per un valore complessivo di riciclaggio accertato di circa 7,5 milioni di euro.

Sono stati eseguiti altresì nr. 76 accertamenti di natura patrimoniale e approfondite nr. 64 operazioni sospette.

Nel settore degli olii minerali sono stati sottoposti a controllo 26 impianti, tra distributori stradali e depositi di carburante, dai quali sono scaturite varie violazioni alle specifiche imposte e il sequestro di circa 100.000 kg. di oli minerali non agevolati, di diversi mezzi di trasporto atti a contenere tali prodotti, con la conseguente verbalizzazione di nr. 27 soggetti e la relativa denunzia di nr. 4 persone.

Particolarmente importante, altresì, è stata l’attività svolta in concorso con le altre Forze di Polizia per il controllo del territorio, eseguita soprattutto attraverso le pattuglie operanti nell’ambito del dispositivo di pubblica utilità “117”, costantemente presenti nell’arco delle 24 ore nell’intero territorio provinciale.

In ultimo, si evidenzia che le segnalazioni al “Servizio di Pubblica Utilità 117”, alla data del 31 maggio 2014, sono risultate superiori a quelle pervenute nello stesso settore dello scorso anno, con particolare riferimento ai settori di specifica competenza della Guardia di Finanza, quali Imposte Dirette ed IVA, Accise, Dogane e Monopoli, Lotto e Lotterie: al riguardo, sono state impiegate sul territorio, nell’intero arco della giornata, oltre 800 pattuglie di finanzieri.

Menu