FROSINONE – Investito due volte da un camion: solo qualche “graffio”!

Quando si dice tutto è bene ciò che finisce bene. A volte, infatti, accadono episodi davvero inspiegabili e quella che avrebbe potuto essere una tragedia annunciata, si è, invece, trasformata, per incanto, in una bellissima storia di fine anno. Tutto è accaduto nella giornata di sabato 29 dicembre. Un uomo di 73 anni di Giuliano di Roma era appena uscito dall’ufficio postale, situato sulla Monti Lepini all’altezza del comando provinciale dei vigili del fuoco, e, distrattamente, con il capo chino, si era messo a contare dei soldi, forse della pensione appena riscossa. Un camionista, nel frattempo, al volante di un mezzo commerciale “Iveco” del peso di 35 tonnellate, stava effettuando la retromarcia nei pressi del luogo dove si era posizionato l’anziano.

L’impatto è stato inevitabile. Il camionista, senza accorgersi di nulla aveva investito il settantatreenne passandogli letteralmente sopra una prima volta e, pensando di aver urtato un sasso, ingranava la marcia in avanti, passando per una seconda volta sull’anziano, ormai accasciato al suolo. I passanti, che avevano assistito attoniti all’agghiacciante scena, chiamavano prontamente una pattuglia della polizia locale che, dopo pochi istanti, inviava sul posto i vigili Fedeli e Fiaschetti, coordinati dal Vice Comandante della polizia locale di Frosinone, Ten. Giancarlo Tofani.

Gli agenti della Polizia Locale prestavano pronta assistenza all’anziano, facendolo trasportare urgentemente al pronto soccorso del vicino ospedale e provvedendo immediatamente ad avvertire i suoi familiari. L’incredibile è che, all’esito di tutti i controlli medici di rito: Tac, raggi, visita ortopedica, ecc…., l’uomo non ha riportato alcuna frattura, ma solo escoriazioni in varie parti del corpo, risultando, fortunatamente, sano come un pesce. La prognosi, sciolta nella mattinata del 31, è di trenta giorni. Il bilancio finale dell’incidente parla per l’anziano di profonde escoriazioni e della lussazione di un braccio, null’altro fortunatamente.

“Che dire – ha affermato il Col. Carlo del Piano, comandante della polizia locale di Frosinone – davvero una bella storia di fine anno, una tragedia preannunciata che solo il caso ha voluto si sia trasformata, invece, in un vero e proprio miracolo di fine anno. Speriamo, solo, che prima o poi, venga finalmente imposto agli autocarri di installare una telecamera posteriore a bordo per evitare che in futuro situazioni analoghe possano concludersi in maniera differente. Voglio complimentarmi, poi, con i vigili urbani che sono intervenuti sul posto che, con prontezza e perizia, hanno gestito una situazione di emergenza, contribuendo a che tutto si risolvesse per il meglio”.

Menu