17 febbraio 2016 redazione@ciociaria24.net

Giochi e scommesse: giro di vite della Questura di Frosinone

Nella giornata di ieri, una mirata attività di polizia è stata predisposta dalla Questura di Frosinone per accertare la regolarità di sale videolottery, giochi e scommesse. Personale specializzato della Divisione Amministrativa e Sociale ha effettuato controlli in tre esercizi commerciali del settore, due nel capoluogo ed uno nel limitrofo comune di Veroli.

Nel mirino degli operatori della Polizia di Stato la verifica delle licenze, delle relative tabelle esposte, l’utilizzo degli apparecchi elettronici di intrattenimento da parte di minori, nonché del regolare possesso dei prescritti titoli autorizzativi. Nel corso del servizio i poliziotti hanno, inoltre, identificato 21 avventori.

Tra i clienti di una sala giochi anche due cittadini albanesi di 27 e 24 anni, risultati irregolari. Entrambi hanno difatti dichiarato di essere entrati in Italia senza aver mai presentato la dichiarazione di presenza o richiesto il permesso di soggiorno nei termini prescritti che gli avrebbe consentito di regolarizzare la propria posizione sul territorio nazionale. Accompagnati negli uffici della Questura, dopo il fotosegnalamento presso il Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica, per loro è stata attivata la procedura per l’espulsione dall’Italia.

Nei confronti dei due cittadini albanesi, a seguito dell’emissione del decreto di espulsione da parte del Prefetto di Frosinone, con divieto di reingresso per un periodo di 5 anni, è scattato anche l’ordine del Questore di Frosinone di lasciare il territorio nazionale nel termine di sette giorni.

Menu