2 novembre 2012 redazione@ciociaria24.net

Giallo di Bracciano, il fidanzato di Federica: “Non ero con lei”. Inchiesta sempre più complessa

Le indagini sulla morte di Federica Mangiapelo, la sedicenne figlia di un commerciante ambulante di Alatri trovata senza vita in riva al lago di Bracciano ieri mattina (Giovedì 01 ndr), proseguono in tutte le direzioni. Al termine di un interrogatorio durato undici ore nella caserma della Compagnia dei Carabinieri di Bracciano, Marco, cameriere diciottenne di Formello fidanzato della giovane, avrebbe sostenuto, secondo un dispaccio dell’Adkronos, di non essere insieme a lei al momento della morte ma di avere invece trascorso con un amico le ore fatali della scomparsa di Federica.

Gli inquirenti intanto proseguono le indagini per stabilire le cause del decesso della ragazza. Al momento sembra esclusa la pista satanica, in quanto le cinque croci rivenute sulla spiaggia a un centinaio di metri dal cadavere, sempre secondo Adkronos, non sarebbero altro che sinistre ‘decorazioni’ di un party organizzato per Halloween. Particolari indicativi sono attesi dal responso dell’autopsia sul corpo di Federica, che si è svolta stamane a Roma. Non è esclusa l’ipotesi di un decesso per cause naturali.

Redazione 24Network

Menu