GERVASIO: IL PD È IL CENTROSINISTRA, DELLA POSTA SE NE RENDA CONTO!

Oreste Della Posta soffre di “amnesia politica” che gli fa ricordare solo quello che fa comodo. Il Partito Democratico in questi anni ha sempre lavorato per cercare la coesione nel centrosinistra subendo troppe volte le indebite richieste dei cosidetti partiti minori. Adesso la misura è colma, è giunto il momento di dire basta a questi continui veti che di fatto bloccano l’attività politico-amministrativa nei vari enti. Il Partito Democratico è il centrosinistra e come tale lavorerà per costruire alleanze che si adoperino per dare risposte alle esigenze della gente e del territorio. L’attacco portato da Della Posta nei confronti del PD e intriso di demagogia e le sue parole suonano vuote e lontane dai problemi reali che affliggono la nostra provincia. Voglio ricordare all’esponente di “XX ottobre”, che per nove anni è stato assessore provinciale in amministrazioni di centrosinistra, pur non essendo mai stato eletto in consiglio, e che al suo partito, il PDCI, è stata garantita la presenza nella giunta provinciale anche quando era rimasto senza esponenti di riferimento in consiglio. Sempre Della Posta dimentica che nelle scorse elezioni provinciali lui e il suo partito si sono candidati contro il centrosinistra, capeggiato da quel Gianfranco Schietroma ora tanto caro, permettendo alle destre di vincere le elezioni. Inoltre, proprio nelle scorse provinciali, il PD, pur di mantenere compatto il centrosinistra, ha responsabilmente fatto un passo indietro lasciando capeggiare la coalizione al PSI con Schietroma. Lo stesso partito, il PSI, che oggi abbandona Marini a Frosinone, senza un valido motivo dopo aver amministrato insieme, e che impone un proprio candidato in contrapposizione a Cerroni a Ceccano impedendo, di fatto, lo svolgimento delle primarie in entrambi i comuni. A Frosinone Della Posta preferisce sostenere Marzi, già candidato alla presidenza della provincia dall’UDC, oggi alleato con esponenti di destra, dimenticandosi che a Frosinone c’è anche il candidato di SEL che dovrebbe essere più vicino ai suoi ideali. Inoltre ad Aquino, suo paese natale, Della Posta e il suo partito hanno già deciso di sostenere, nelle amministrative del 2013, un esponente del centrodestra. Alla luce di tutto ciò il Partito Democratico ritiene conclusa l’esperienza di un centrosinistra ormai obsoleto che ha portato alla sconfitta nelle ultime elezioni provinciali e regionali. Il PD lavorerà ad un nuovo centrosinistra e in tale ottica si adopererà per costruire nuove alleanze. Concludendo, rispedisco al mittente tutte le accuse lanciate al PD consigliando ad Oreste Della Posta di farsi un bell’esame di coscienza prima di attaccare altri partiti soprattutto chi, in questi anni, ha sempre lavorato per costruire e tenere unito il centrosinistra.

Menu