Furti violenti in casa di anziani: preso il nono “pirata”. La drammatica ricostruzione delle irruzioni

Operazione “PIRATI” completata. Di seguito il resoconto dei Carabinieri che ha portato alla cattura del nono componente della banda.

Nella tarda serata di ieri, in Casal di Principe (CE) è stato arrestato l’ultimo componente la banda di cui all’indagine denominata “ PIRATI”, anch’egli destinatario dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP presso il Tribunale di Frosinone in quanto gravemente indiziato, a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di rapine in abitazione, furti, furti in abitazione e ricettazione.

N.R.S., nato in Romania il 20.11.1987, ultimamente aveva cambiato domicilio, trasferendosi in Mondragone (CE). Purtroppo la notte del 13 marzo, quando sono state eseguite le ordinanze di custodia cautelare, nella sua abitazione non è stato trovato. Ieri sera, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Anagni, dopo incessanti ricerche, lo hanno individuato e catturato in Casal di Principe (CE), in corso Umberto I. Avendo intuito che si trattassero di Carabinieri, ha tentato una fuga per le vie circostanti, ma dopo un inseguimento a piedi è stato fermato e arrestato. Ad espletate formalità di rito, l’uomo è stato trasferito presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

Come si ricorderà, l’indagine in oggetto, condotta dall’agosto del 2014, attraverso attività tecniche, dinamiche, ha consentito di:

  • ricostruire l’intero organigramma dell’associazione per delinquere finalizzata alla perpetrazione di vari furti ai danni di depositi di carburante dislocati nel territorio della provincia di Frosinone ( ricettazione di veicoli e carburante nelle provincie di Frosinone e Latina) e alla perpetrazione di vari rapine e furti ai danni di persone anziane domiciliate in località isolate della provincia di Frosinone;
  • accertare, complessivamente, la commissione di oltre 24 episodi delittuosi;
  • eseguire complessivamente nr. 6 arresti in flagranza di reato (il 25.10.2014 nr. 2 arresti per rapina impropria e resistenza a p.u. in quanto a seguito di furto in danno di una azienda, alla guida di autocarro rubato, intercettati dai Carabinieri, hanno tentato ripetutamente di speronarli, e il 20.09.2014 nr. 4 arresti per rapina in abitazione a Veroli in danno di persone anziane);

Le indagini sono state avviate in conseguenza di una rapina consumata alle ore 22.15-22.30 dell’8 agosto 2014, da un gruppo di 3 soggetti armati di pugnali e con volto travisato, presso l’abitazione occupata da due anziane donne (85 e 80 anni), all’interno del quale vi era anche un 77enne vicino di casa in località Prati Gallinari – La Gloria; in quella circostanza tre uomini con volto coperto e armati di grossi pugnali hanno fatto irruzione all’interno dell’abitazione delle due anziane donne, Con una inaudita e gratuita violenza, hanno iniziato a malmenare le tre vittime, scaraventandole a terra.

Nel mentre le strattonavano e percuotevano, hanno chiesto di consegnargli il denaro in loro possesso. Alla risposta della donna di non avere soldi, i tre rapinatori si sono avventati con violenza dapprima sul 77enne, colpendolo con calci e pugni e strappandogli una catenina d’oro che portava al collo, poi sulle anziane donne, che hanno percosso mentre gli strappavano gli orecchini in oro dai lobi di entrambi le orecchie. Le percosse erano state inferte dagli autori del delitto con una violenza straordinaria quanto ingiustificata, considerato che le vittime non erano di certo nelle condizioni di opporsi o contrastare l’attività predatoria.

Menu