lunedì 22 luglio 2013

FROSINONE – Vittorio Sgarbi interviene al Festival dei Conservatori [FOTOGALLERY]

Si è chiusa ieri sera, domenica 21 luglio, nello splendido scenario di piazzale Vittorio Veneto, la terza settimana del Primo Festival Nazionale dei Conservatori – Città di Frosinone. Così come per le due precedenti settimane, diverse migliaia di persone hanno assistito alle performance dei giovani studenti dei Conservatori italiani che si stanno dando “battaglia” nel capoluogo a suon di note. Ad esibirsi sono stati nell’ordine giovedì scorso i “Reeds” del Conservatorio di Frosinone, le “Frequenze Costanti” sempre del Conservatorio di Frosinone, il “Gruppo d’insieme Rock” del Conservatorio di Pescara e i “Tàmè Matrioskando” del Conservatorio di Trapani. Venerdì 19 è stata la volta di “Lontano da qui” del Conservatorio di Frosinone, dei “Santiago” sempre del Conservatorio di Frosinone e dei “Toomas” del Conservatorio di Messina, mentre sabato 20 sono andati in scena i “P2P” del Conservatorio di Frosinone, gli “Hp Lab” del Conservatorio di Monopoli, i “Gloria Trapani Quartet” del Conservatorio di Frosinone, e infine domenica 21 ci sono state le esibizioni di “Bassjuice” del Conservatorio di Lucca, di “Carla Restivo 5et Paula Project” conservatorio di Palermo, del “Gruppo d’insieme Jazz” del Conservatorio di Pescara e dei “Trumpets Five” dei Conservatori di Bologna, Brescia e Modena.

Particolarmente gradita la presenza del noto critico d’arte Vittorio Sgarbi, intervenuto nella serata di sabato scorso, che ha avuto parole di elogio per la manifestazione organizzata per volere dell’amministrazione Ottaviani, con la preziosa collaborazione del Conservatorio “Licinio Refiec”, e ha invitato a proseguire nel futuro una iniziativa che, come tutti hanno potuto vedere in queste tre settimane, sta raccogliendo un grande successo, al di là di ogni più rosea aspettativa. Una kermesse musicale che alla prima edizione sta già riscuotendo un grande successo di critica e di pubblico e che ha portato la città capoluogo alla ribalta delle cronache artistiche e musicali nazionali. L’altissimo livello degli artisti in gara, le ottime performance, la possibilità di assistere a eventi unici in un contesto del tutto particolare, come quello dell’incantevole piazzale Vittorio Veneto, che ha riattivato il fermento culturale del centro storico e della città tutta stanno regalando serate indimenticabili agli spettatori e ai turisti. Il “Festival dei Conservatori”, fortemente voluto dall’amministrazione Ottaviani e organizzato con la preziosa collaborazione del Conservatorio “Licino Refice” ha, ormai, fatto breccia nel cuore dei frusinati, essendo diventato un appuntamento irrinunciabile in queste sere d’estate.

Da giovedì prossimo, 25 luglio, via al gran finale con le esibizioni dei “Mev Trio” del Conservatorio di Benevento, dei “Giovanni Mameli Trio” del Conservatorio di Cagliari, dei “Bad Uok” del Conservatorio di Bologna e degli “Illogic Project” del Conservatorio di Salerno. Venerdì 26 spazio ai “Fingers” del Conservatorio di Frosinone, ai “Trombone Consort” del Conservatorio di Aposta e ai “Ticket to jazz quartet – The Beatles project” del Conservatorio di Adria. Sabato 27 sarà la volta degli “Mf Ensemble” del Consevatorio di Castelfranco Veneto e degli “L’amor fu” del Conservatorio di Frosinone. Poi domenica 28 la premiazione dei vincitori e lunedì 29 la serata conclusiva con i “Ciociarian Pops” Orchesta del Conservatorio di Frosinone.

Una giuria composta da esperti qualificati e da giurati popolari, nominati dal Comune di Frosinone, assegnerà, alla fine della rassegna, tre premi rispettivamente di 5.000, 3.000 e 2.000 euro ai tre gruppi che riscuoteranno il più ampio consenso.

[nggallery id=83]

PUBBLIREDAZIONALE - Un punto di riferimento per chi è in cerca di assistenti familiari/badanti. La sede è a Sora in viale S. Domenico n.1

PUBBLIREDAZIONALE - Un lavoro costante ed equilibrato svolto per un periodo compreso tra le sei e le otto settimane è in genere ideale per poter recuperare le facoltà motorie e reimpossessarsi della propria quotidianità.